Nonostante le precarie condizioni fisiche dei suoi uomini chiave, la Salus Madel vince su Imola 83-76

C Gold: Madel – Virtus Imola 83-76

(24-26; 43-48; 67-63)

MADEL: Fimiani 2, Nucci 19, Savio 8, Amoni 4, Percan 24, Granata, Parma Benfenati 12, Lugli 6, Trost ne, Conidi ne, Trentin 8. All. Giuliani.

VSV Imola: Dal Fiume 6, Zambrini 13, Vignali 11, Sangiorgi 14, Corcelli 24, Dalpozzo 8, Minghè ne, Sabattani, Creti, Delvecchio. All. Marchi.

La Salus deve sudare le proverbiali sette camicie per avere la meglio della Virtus Imola, formazione cui aspettative ad inizio stagione erano diverse da quanto si è visto sul campo nel corso del campionato, ma che Domenica sera, sul parquet di via dell’Arcoveggio, ha venduto davvero cara la propria pelle. Due punti fondamentali per la Madel, che lamentava le precarie condizioni fisiche dei suoi uomini chiave: Amoni ha giocato nonostante la febbre, capitan Percan, per lo stesso motivo, è stato in dubbio fino all’ultimo, ed è comunque riuscito a trascinare i suoi compagni segnando 24 punti. Infine, se Parma Benfenati sembra aver parzialmente risolto i suoi problemi alla spalla, purtroppo ha dovuto alzare bandiera bianca Andrea Lugli, vittima di un infortunio al piede nel corso del match: un mese di gesso, si spera di rivederlo al 100% per i play-off. A lui va un caloroso in bocca al lupo!

Dopo un avvio equilibrato, sono i romagnoli a prendere la testa della corsa, grazie ad un ispirato Corcelli (24 anche per lui) e all’ex di turno, “Jimmy” Sangiorgi. Il vantaggio ospite, però, non toccherà mai la doppia cifra: sono Nucci e Percan, assieme a due bombe dello sfortunato Lugli, a rendere pan per focaccia alla Virtus, oltre alla vitalità di un brillante Savio. Chiuso il 1° tempo sul 43-48, Parma e Nucci provano a mettere la freccia, tuttavia i gialloneri sono più che mai in partita e il +8 di metà 3° quarto ne è la prova concreta: nel momento di necessità sale in cattedra Trentin, che si fa sentire a rimbalzo e in difesa, ed ispira il parziale con cui la Madel riesce a chiudere avanti all’ultimo mini-riposo (67-63, 30’). Nella quarta frazione, Imola crolla definitivamente: i padroni di casa controllano senza troppi patemi, grazie soprattutto alla verve realizzativa del capitano. La gara termina 83-76.

Prossimo appuntamento alle “Pertini” Sabato 18 Marzo, contro il fanalino di coda Pontevecchio. Impegno agevole sulla carta ma, come sempre, servirà la massima concentrazione. Anche perché si tratta di un Derby…

 

 

Fonte: ufficio stampa Salus

 

 

Commenta
(Visited 32 times, 1 visits today)

About The Author