Novipiù Casale, le curiosità statistiche di metà stagione

Le curiosità statistiche di metà stagione
Confronto individuale sul rendimento interno ed esterno dei rossoblù al giro di boa

Con l’annullamento della gara casalinga contro Forlì, originariamente programmata per ieri domenica 4 gennaio, si è concluso il girone di andata della A2 Gold e della Junior in modo più specifico. Giro di boa che può rappresentare un momento utile per fare un primo bilancio statistico così, curiosando tra le cifre individuali accumulate dai ragazzi rossoblù, emergono alcuni dati rilevanti, magari non così evidenti vivendo l’emozionalità del ‘gara dopo gara’. Per tutti gli appassionati di numeri, allora, ecco un breve riassunto delle statistiche individuali dei giocatori della Novipiù, confrontando gare casalinghe e gare giocate lontano dalle ‘mura amiche’ del PalaFerraris.

Procedendo in puro ordine alfabetico viene immediatamente a galla la grande differenza di percentuali dal campo per Andrea Amato, evidentemente molto più a suo agio al PalaFerraris, visti i suoi 10.1 punti a gara segnati contro i 6.7 realizzati altrove, grazie a percentuali di tiro elevatissime: 46% da 2 ed un fantascientifico 54% da 3 punti al Palaferraris, con percentuali realizzative che scendono al 31% complessivo lontano dal Palazzetto dello Sport di via Visconti che lo vedono calare anche ai liberi (-17%). Situazione diametralmente opposta, invece, per Brett Blizzard che in trasferta ha offerto prestazioni superiori per punti segnati (+1.9), rimbalzi catturati (+2.0) ed assist (+1.2) senza perdere efficacia al tiro. Meno minuti di utilizzo (21 contro 25) per Aka Fall nelle partite di casa, ma lieve maggiorazione nel rendimento in tutte le voci statistiche: +1.5 ppg, +0.3 rpg, +0.2 apg, +7% di realizzazione da 2 punti. Prestazioni sempre di grande equilibrio per Jermaine Marshall che segna sempre (e tanti!) gli stessi punti tanto in casa, quanto in trasferta (19.8) e che compensa con quasi 2 assistenze in più per i compagni, le percentuali di tiro meno performanti del PalaFerraris (-7%). Continuità d’importante caratura anche per Niccolò Martinoni, con scarto ridotto al trascurabile 0.2 per punti segnati. Lieve anomalia (dovuta anche al numero di gare ridotto a causa del lungo infortunio occorsogli) lo zero alla voce dei canestri realizzati dall’arco nelle 3 trasferte giocate dal capitano juniorino. Precisione svizzera per Nicola Natali, capace di garantire sempre un contributo statistico costante in ogni occasione avuta fino a qui, confermandosi certezza per il roster di coach Ramondino. Ultimo arrivato, ma già segnalatosi per grande dinamismo e generosità, Jamar Samuels sta ancora cercando il suo punto di equilibrio. Se infatti dal punto di vista meramente numerico si è assestato nell’intorno degli 8 punti segnati (in casa, 8.5 in trasferta), sotto il profilo qualitativo del ‘come’ vive l’anomalia di un 15% realizzativo da 2 punti del PalaFerraris, in antitesi col 56% messo insieme in trasferta, con l’ulteriore contrapposizione del 43% fatto registrare dalla lunga distanza nella gare giocate al PalaSport di Casale, che si azzera lontano dalle ‘mura amiche’. Ultimo per ordine alfabetico, ma indiscutibilmente primo per quanto concerne gli assist serviti (5.9 quelli delle gare casalinghe, che però scendono ai 2.7 apg in esterna), Giovanni Tomassini dimostra grande freddezza: giocare al PalaFerraris o in trasferta non altera le sue percentuali di realizzazione, con scarto limitato all’1% sia da 2 che da 3 punti.

Commenta
(Visited 2 times, 1 visits today)

About The Author