Una Novipiù eroica sbanca il Paladozza. Coach Ramondino: "Abbiamo giocato con coraggio e sfrontatezza"

Capolavoro di Ramondino e dei ragazzi: prima la rimonta, poi il finale senza lunghi e un overtime strappato coi denti. 73-78, serie sull’1-1: venerdí e domenica a Casale!

E’ una partita ricca di emozioni Gara 2 tra Virtus Bologna e Novipiù Casale. Come già successo in Gara 1, sono le Vu Nere a partire subito bene, ma la Novipiù, dal terzo quarto, inizia la sua rimonta. Con tutta la forza del collettivo, con la volontà di portare avanti il più possibile la serie, la Junior sbanca il PalaDozza dopo un overtime per 73-78 e porta così la gara a Casale Monferrato avendo ribaltato il fattore campo!

Lawson e Umeh spaccano subito la partita mentre i tiri della Novipiù continuano a rimbalzare sul ferro: è un inizio a rullo compressore con le Vu Nere che volano sul 9-0. Lawson ha le mani infuocate ma finalmente arrivano i primi punti per la Novipiù, griffati Severini; anche Blizzard va a refert, ma la Virtus continua ad infiammare la retina e si tiene sul +13 (17-4). I rossoblu provano a fare la voce grossa a rimbalzo, mentre Di Bella e Spissu portano punti alle rispettive squadre; anche Ndoja è chirurgico dalla lunetta, ma la Junior si fa più aggressiva e guadagna due tiri liberi con Severini (21-8). Risponde presente anche Bellan ed è ancora Blizzard ad insaccare il 21-11 finale.

I canestri di Severini e Martinoni aprono il secondo quarto che vede una Virtus inizialmente a secco (21-17) e che obbliga coach Ramagli al timeout. Al rientro Lawson tira fuori gli artigli ma è immediata la risposta di Tolbert che spinge la palla in fondo alla retina; Casale va ancora a segno con Natali (23-20), ma Umeh non perdona dai 6.75 e la partita adesso è effervescente. I rossoblu si alzano in difesa e sembrano indemoniati sotto la plance, ma la Virtus è fatta della stessa pasta e supera tutti con un canestro di Ndoja che mantiene le distanze (31-22). A Tomassini che insacca dall’arco risponde ancora Ndoja e le due squadre vanno all’intervallo sul 35-26.

Umeh e Blizzard inaugurano il terzo periodo e le due squadre infiammano continuamente le rispettive retine (40-33); da una parte realizza Natali e dall’altra ci pensa Rosselli a caricare i suoi. Le Vu Nere continuano a macinare punti, ma la Novipiù vuole dimostrare le giuste carte per combattere nonostante i continui viaggi in lunetta di Lawson che portano i suoi sul 48-37. Ci pensa Severini a scuotere i suoi seguito a ruota da Blizzard, mentre Ndoja realizza solo uno dei liberi a disposizione; ancora la Novipiù con Di Bella e il quarto termina 49-46.

L’ultimo quarto inizia con il tiro di Severini e il libero di Lawson e ancora Severini che, dalla lunetta, impatta sul 50-50 e l’azione dopo attua il sorpasso. Coach Ramagli corre ai ripari richiamando la squadra in panchina, ma Casale tira fuori tutta la sua aggressività e Tolbert risponde ad Umeh: i tiri delle Vu Nere adesso incontrano solo il ferro, è Spissu ad interrompere la carestia (54-56). Tolbert e Di Bella tengono i rossoblu in vantaggio e Ndoja non è preciso dalla lunetta: Casale ha alzato il muro in difesa e Lawson realizza ancora una volta solo dalla linea della carità (57-58). La Junior continua a non tirarsi indietro, soprattutto a rimbalzo, nonostante Tolbert, Martinoni e Severini siano fuori per cinque falli; anche la Virtus difende forte e costringe i rossoblu a tiri difficili e Blizzard firma il 57-59 dalla lunetta. Ci pensa Lawson a pareggiare i conti e manda le squadre all’overtime sul 59-59.

La tripla di Umeh apre l’overtime, ma da sotto la plance ci pensa Bellan a tenere i suoi a contatto: Lawson e Blizzard tengono in moto le rispettive formazioni, al pari di Spissu e Di Bella (67-66).  Ancora Di Bella dalla lunetta e Tomassini dalla media distanza: Spizzichini realizza da tre punti, ma ancora una volta Blizzard e Tomassini rispondono presente all’appello. Il finale è un continuo viaggio in lunetta, ma sono i rossoblu

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA – NOVIPIU’ CASALE MONFERRATO: 73-78 dts (21-11; 35-26; 49-46; 59-59)

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA: Spissu 13, Umeh 14, Spizzichini 4, Petrovic ne, Ndoja 11, Rosselli 5, Michelori, Oxilia ne, Gentile, Penna, Lawson 26, Bruttini. All. Ramagli

NOVIPIU’ CASALE MONFERRATO: Tolbert 8, Nikolic, Denegri, Tomassini 12, Natali 3, Blizzard 21, Di Bella 14, Martinoni 4, Severini 15, Valentini ne, Bellan 1, Ielmini ne. All. Ramondino

LE DICHIARAZIONI – Coach Marco Ramondino: Abbiamo giocato una partita un po’ più consistente della scorsa. Ci sono stati piccoli errori, che possono essere tollerabili siccome noi abbiamo la disabitudine a una certa pressione con alcuni dei nostri interpreti. La squadra era viva, era presente: abbiamo giocato con coraggio e sfrontatezza; nella seconda parte di partita abbiamo tolto loro tanti scarichi sia nelle penetrazioni che nel post basso, tenendo conto che loro hanno giocatori come Ndoja, Spissu e Umeh”.

Coach Alessandro Ramagli:Abbiamo fatto una frittata perchè quando la partita si è sporcata noi ci siamo infilati nel loro modo di giocare; nonostante la Novipiù giocasse con quattro piccoli, non siamo sempre riusciti ad avvicinarsi a canestro. Andiamo a Casale dove abbiamo due colpi da sparare per ottenere almeno una vittoria e tornare qua, oppure per vincerle entrambe. 

Siamo riusciti a tenerli sempre con un po’ di distacco, poi quando si sono avvicinati noi abbiamo visto lo spettro della sconfitta”. 

 

fonte: ufficio stampa Junior Casale

Commenta
(Visited 39 times, 1 visits today)

About The Author