A Rieti non basta un grande Hearst, i Knights si impongono 72-91

Ultima giornata di andata che i Knights giocano a Rieti, in un clima caldo per due squadre distanziate da solo 2 punti in classifica.
Legnano sempre alle prese con le condizioni non perfette di Martini, Toscano e Mosley, mentre Rieti si presenta al completo e in un buon periodo di forma.

Il match inizia molto a rilento con i primi due punti di Gigli e il tabellone che si ferma sul 2-0 per oltre 2 minuti e mezzo, quando Gigli ne mette ancora due da lontano per il 4-0.
Zanelli si sloga la caviglia (rientrerà dopo le cure mediche nel secondo quarto) e sul possesso successivo, Martini appoggia da sotto i primi punti legnanesi, prima della schiacciata di Olasewere.
Raivio mette l’arresto, poi Tommasini va in penetrazione, ma anche Tomasini arriva al capolinea per una partita che stenta a decollare, ma rimane in perfetto equilibrio.
Il primo vantaggio legnanese è il tap-in di Mosley del 8-9, ma dura poco perché sul ribaltamento di fronte, Hearst segna la prima bomba dell’incontro per il 11-9.
Anche Casini infila la tripla, così come Tomasini che tiene la FCL a un possesso, non pieno, di svantaggio
Casini segna ancora da lontano, Mosley da vicino e, prima della fine del quarto, Raivio pareggia sul 16-16.

Proprio Raivio riparte con l’accelerata a tutto campo per il gioco da tre punti del 16-19; Rieti si affida al gioco spalle a canestro di Olasewere e alla tripla di Carenza, mentre i Knights provano a variare i terminali trovando i liberi di Martini e i punti in penetrazione di Maiocco fino al 27-28, che Hearst ribalta con i liberi del 29-28; anche Zanelli si presenta in lunetta e il suo 1/2 vale il pareggio sul 29-29 quando mancano 4’ all’intervallo.
Pullazi infila la tripla del +3 Legnano, e sul tecnico ad Olasewere (quarto fallo dopo una stoppata giudicata irregolare ma probabilmente), Tomasini e Zanelli mettono il 2/3 dalla lunetta del 31-34, vantaggio che viene annullato dal libero di Gigli e dal scivolamento sulla linea di fondo di Hearst.
Raivio rientra dal timeout con la tripla del 34-37, pareggiata infine da Tommasini per il 37-37 del 20’.

La partita ricomincia con la scorribanda di Zanelli e il jumper di Martini del 37-41 dopo circa 1’30” di gioco.
Casini e soprattutto Tommasini mettono in piedi il parziale di 9-0 che porta il punteggio sul 46-41, con Ferrari a correre al timeout d’obbligo.
Zanelli rientra con la bomba del -2, ma Carenza riallunga con il jumper in centro area, preludio di un tentativo di fuga aretina, ma la bomba di Tomasini tiene la FCL a -3 sul 50-47 e la penetrazione di Pullazi sul -1.
Hearst si ripresenta in lunetta e il suo 2/2, da un possesso pieno di vantaggio alla NPC, annullato dalla tripla d’angolo di Tomasini del 52-52.
Pullazi segna la tripla del +3 FCL, poi i liberi del +5 e il quarto di chiude sul 55-59 dopo i centri di Casini e ancora di Pullazi

Ancora Pullazi va a segno dai liberi per il +6 Legnano, ridimensionato dai liberi di Tommasini, ma rimpolpato di nuovo dalla tripla di un Pullazi in formato deluxe.
Zanelli mette il 57-67 e Rossi non può che chiedere un minuto di sospensione al tavolo; Raivio rientra con l’assist per la schiacciata di Mosley del +12, con la NPC che deve aspettare Hearst per bloccare il parziale biancorosso con la tripla del 60-69.
Zanelli infila di nuovo una tripla per il vantaggio in doppia cifra dei Knights; Gigli fa 1/2 dai liberi, ma Mosley va ancora a segno da sotto e sul giro di zona legnanese, Tommasini infila dal centro dell’area in maniera non proprio comoda.
Zanelli è caldo come una stufa e mette ancora la tripla del 63-77; Gigli segna da sotto ma anche Raivio va al capolinea e con 4’15” da giocare, il vantaggio legnanese si fa importante.
Hearst prova ancora a ricucire dalla linea della carità con un 1/2, ma il 30 di Portland va ancora con il terzo tempo del 66-81.
Olasewere infila il gioco da tre punti che lascia ancora qualche piccola speranza a Rieti, però poi Mosley mette due importanti liberi e Tomasini il tap-in del 69-85 che con poco più di 1’30” dalla fine, di fatto, regala la vittoria ai Knights.
La partita poi finirà 72-91 con il canestro finale di Berra.

Una gara di grande equilibrio nella prima parte e grande fisicità nella ripresa, dove Legnano ha saputo trarre il massimo dalla sua concentrazione in attacco ed in difesa, in cui le alchimie (qualche giro di zona e la difesa adattata su Olasewere) hanno avuto la meglio rispetto alla grande spinta emotiva di Rieti.
Un’ottima fine per il girone di andata che non regala la Coppa Italia ai Knights, ma da la consapevolezza di poter essere ancora la squadra di inizio stagione, pronta per puntare alla zona playoff.

Coach Ferrari ha sottolineato anche: “Il merito dell’ottima prova difensiva di oggi va data in toto ad Alberto Mazzetti e Davide Giglietti che hanno preparato al meglio la gara, illustrandola con perfetta sintesi alla squadra ed a me”

 

NPC RIETI – FCL CONTRACT LEGNANO 72-91 (16-16, 21-21, 18-22, 17-32)

 

NPC Rieti : Zaid Hearst 19 (2/3, 2/5), Claudio Tommasini 16 (4/11, 2/3), Jamal Olasewere 11 (5/11, 0/1), Angelo Gigli 10 (4/6, 0/0), Juan Marcos Casini 10 (2/2, 2/4), Giovanni Carenza 5 (1/2, 1/5), Alberto Conti 1 (0/0, 0/1), Norman Hassan 0 (0/0, 0/1), Nicola Savoldelli 0 (0/1, 0/1), Leonardo Marini 0 (0/1, 0/0), Leonardo Berrettoni 0 (0/0, 0/0), Leonardo Ciani 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 21 – Rimbalzi: 28 9 + 19 (Jamal Olasewere, Angelo Gigli 7) – Assist: 12 (Claudio Tommasini, Angelo Gigli 3)

FCL Contract Legnano: Alessandro Zanelli 21 (1/3, 5/8), Nikolas Thomas Raivio 17 (5/7, 2/6), Simone Tomasini 16 (2/2, 3/4), Rei Pullazi 15 (1/2, 3/6), William Ralph Jr. Mosley 10 (4/10, 0/0), Matteo Martini 6 (2/4, 0/1), Federico Maiocco 2 (1/1, 0/6), Daniele Toscano 2 (1/4, 0/0), Gabriele Berra 2 (1/1, 0/0), Edoardo Roveda 0 (0/0, 0/0), Luca Gazineo 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 16 / 20 – Rimbalzi: 24 6 + 18 (Rei Pullazi 7) – Assist: 21 (Simone Tomasini 6)

Commenta
(Visited 56 times, 1 visits today)

About The Author

Nicola Garzarella Studente ed aspirante giornalista. Un giorno ho incontrato il mondo della palla a spicchi e da lì non l'ho più mollato. Cerco di coniugare la scrittura con la mia grande passione per lo sport e il basket in particolare.