NTS Rimini, intervista a Firic

Il momento è buono, buonissimo, per la NTS Informatica di Massimo Bernardi che, dopo aver vinto sette delle ultime otto gare, è tornata prepotentemente in corsa per un posto nei playoff: ambizioso obiettivo a inizio stagione, sembrava essere diventato un miraggio al termine del girone di andata, invece, i Crabs sono riusciti a risalire la classifica e adesso hanno tutte le intenzioni di continuare a giocare anche dopo il termine della stagione regolare. È vero, tecnicamente se il campionato finisse oggi i biancorossi rimarrebbero fuori dalle prime otto per via della sconfitta rimediata all’andata sul campo di Monsummano, attualmente appaiata ai granchi a quota 24, ma con ancora sette partite da giocare, e lo scontro diretto in casa contro i toscani, nulla è ancora deciso.

“Stiamo passando un buon momento – attacca Gordan Firic, primo assistente sulla panchina biancorossa – stiamo attraversando la fase decisiva della stagione e devo dire che ultimamente stiamo giocando una bella pallacanestro: probabilmente la partita di Faenza è stata un’eccezione, in quanto non siamo riusciti ad offrire una prestazione al livello delle nostre capacità, ma l’importante era vincere e siamo riusciti a farlo. L’autostima dei ragazzi è cresciuta e ci credono tutti, impegnandosi quotidianamente nel lavoro in palestra: da quando è arrivato Bernardi il nostro ruolino di marcia è quasi da promozione, con sette vittorie e una sola sconfitta. Il gruppo è motivato e carico per riuscire a raggiungere i playoff”.

Tornato a sedersi sulla panchina biancorossa, Bernardi è riuscito a ridare fiducia e motivazioni ad un gruppo in crisi nera, riportando entusiasmo nell’ambiente e mettendo in campo una pallacanestro veloce e divertente. La sua NTS Informatica è diventata una formazione capace di adattarsi alla partita, come dimostrano le ultime due gare giocate e vinte da Panzini e compagni: 96-81 in casa contro Livorno e 58-66 nel derby contro i cugini di Faenza.

“Siamo una squadra che può difendere bene ma anche attaccare bene – prosegue il nativo di Vares – dipende dalla partita, e ultimamente siamo riusciti ad interpretare al meglio le gare che abbiamo disputato. Nel match contro i toscani abbiamo segnato qualcosa come 18 triple, vedevamo il canestro veramente largo, ma quando si attacca così bene, è normale lasciare qualcosina in difesa. Per quanto riguarda il derby di domenica scorsa, abbiamo dimostrato di essere in grado di limitare i nostri avversari, e abbiamo concesso alla Raggisolarsi appena 58 punti, accoppiandoci in transizione e difendendo bene sul perimetro”.

In questo weekend che precede la pausa per la Coppa Italia, i Crabs sono attesi dalla trasferta più lunga dell’intero campionato: 450 km per far visita al non irresistibile Cus Torino, formazione composta da giovani prospetti capace di conquistare fin qui appena due vittorie, di cui una a tavolino. I ragazzi di Bernardi non possono assolutamente permettersi di perdere punti per strada, ma attenzione a sottovalutare i piemontesi.

“Nonostante la classifica, quella di domani sera è una partita difficile, dato che i nostri avversari non hanno niente da perdere, e che in casa loro sono riusciti anche a giocarsi qualche partita: sarà molto importante il nostro approccio alla gara, non dobbiamo assolutamente iniziare molli, ma con cattiveria e voglia di vincere, per far capire già dai primi minuti che non ci sono possibilità per Torino, con lo stesso atteggiamento mentale che avremmo messo in campo contro Forlì, Piacenza o Cento. Vincere aiuta a vincere – conclude Firic – e vogliamo continuare a farlo: siamo riusciti a rimettere in piedi il nostro campionato, ma ancora c’è molto lavoro da fare, andremo avanti una partita alla volta, sperando magari in un passo falso di Monsummano”.

Commenta
(Visited 11 times, 1 visits today)

About The Author