Olimpia Milano, Messina: "Grande vittoria. Ora testa all'Efes"

Così Coach Ettore Messina ha commentato la gara con il Maccabi: “Voglio complimentarmi con i giocatori e voglio ringraziare il pubblico per il supporto che ci ha dato anche stasera. La partita era dura, non è facile giocare contro una squadra così atletica. Abbiamo avuto tanti buoni momenti, macchiati da qualche palla persa. Le palle perse si pagano sempre, ma contro questa squadra è come fare un assist perché possono subito correre e andare a canestro. Qualche volta piuttosto che perdere palla sul campo è meglio buttarla in tribuna contro di loro. Abbiamo avuto tante varietà di attacco, il pick and roll, le uscite, un po’ di post-up, siamo stati pazienti qualche volta ad aspettare di poter dare la palla a Micov. Ma ora dobbiamo pensare ad un’altra grande partita che è quella che ci attende giovedì contro l’Efes”.

Su Shelvin Mack: “Non era stato escluso a Bologna, semplicemente andava protetto dopo l’infortunio. Stasera in attacco ha fatto un paio di penetrazioni, ma in difesa è stato importantissimo e soprattutto ha permesso di scaricare di lavoro Rodriguez”.

Sulle ambizioni della squadra: “Il nostro obiettivo non può cambiare, deve essere raggiungere i playoff, perché in questa EuroLeague è facilissimo perdere tre partite di fila, magari anche quattro, e perdere terreno, così come puoi recuperarlo. Non dobbiamo perdere di vista il quadro generale, perché certe cose devi farle non per tre mesi ma per tre anni. Questa è una squadra che può raggiungere i playoff o comunque arrivare a giocarseli fino all’ultima gara. Stiamo anche giocando senza due giocatori importanti e soprattutto Gudaitis è l’unico che ci dà presenza in area e senza siamo generalmente leggeri. Viceversa deve essere più continua in campionato, laddove al contrario ha le qualità per vincere il titolo”.

Dichiarazioni a cura di Ufficio Stampa Olimpia Milano.

Commenta
(Visited 38 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.