L'Olimpia Milano nella tana dell'Olympiacos. Coach Messina: "Sono come gli Heat, rimbalzi decisivi"

“Reduce da 13 vittorie consecutive in gare ufficiali, partita 2-0 in EuroLeague, l’Olimpia si appresta a vivere una settimana con coefficiente di difficoltà massimo. Il primo impegno è mercoledì 14 (diretta su Eurosport Player), ad Atene, contro l’Olympiacos. È una gara storicamente difficile contro una delle grandi del basket europeo degli ultimi 15 anni e anch’essa in un buon momento dopo la vittoria nel derby contro il Panathinaikos. L’Olympiacos è una squadra profonda, forte a rimbalzo, dura, che sta tirando male da fuori (25.5%) ma sta anche costringendo gli avversari a tirare male (27.2% da tre). Questo è un aspetto chiave, perché l’Olimpia nelle prime due gare ha tirato con il 42.2% dall’arco, seconda assoluta, nonostante non abbia avuto due dei suoi migliori tiratori, Kevin Punter e Vlado Micov, che saranno assenti anche nelle gare di questa settimana. E’ una sfida sentita perché ci sono anche tanti ex, dal general manager dell’Olimpia Christos Stavropoulos a Kyle Hines, Zach LeDay e dall’altra parte Charles Jenkins.

L’OLIMPIA – Malcolm Delaney si presenta a questa sfida guidando l’Olimpia in punti (13.0 per gara) e l’intera EuroLeague in assist (8.0). Troverà sulla sua strada la coppia Sloukas-Spanoulis che ha vinto due volte l’EuroLeague con l’Olympiacos assieme ad Hines (12.0 di media, 64.3% dal campo). L’altro playmaker di Milano, Sergio Rodriguez sta tirando con il 50.0% da tre punti. La battaglia tra le guardie sarà uno dei temi più interessanti della partita. L’Olimpia ha battuto il Bayern in trasferta e l’Asvel in casa, usando bene la sua profondità, messa a dura prova dalle assenze di Micov e Punter. Shavon Shields, decisivo a Monaco con la tripla della vittoria nel supplementare, sta segnando 13.0 punti a partita, come Delaney, ed è il miglior rimbalzista della squadra con 5.5 di media.

COACH ETTORE MESSINA – “L’Olympiacos è come i Miami Heat per la loro tradizione di saper giocare negli anni con organizzazione, durezza mentale e la leadership dei loro giocatori storici Spanoulis e Printezis cui si è riaggiunto quest’anno Sloukas. Ci aspetta una partita fisica, in cui ogni possesso sarà importante e il controllo dei rimbalzi potrebbe essere il fattore decisivo che indirizzerà il risultato”.

KYLE HINES – “Ritrovo quattro giocatori che hanno vinto l’EuroLeague con me all’Olympiacos, tornare ad Atene è un po’ come tornare a casa e mi darà la possibilità di rivivere per qualche attimo quei momenti indimenticabili, soprattutto ora che è tornato anche Sloukas. Ma ovviamente andiamo per tentare di prolungare il nostro momento”. […]”.

Fonte: ufficio stampa Olimpia Milano

Commenta
(Visited 8 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.