Olimpia Milano: A Pesaro, ultima trasferta prima dei playoffs

Quella di Pesaro è l’ultima trasferta della regular season per l’Olimpia. Si gioca all’Adriatic Arena il 30 aprile alle 18.15 (partita visibile solo in differita su Olimpia Milano Tv). Pesaro cerca i punti della salvezza, l’Olimpia gioca per preparare i playoffs che cominceranno venerdì 12 maggio al Mediolanum Forum. E’ una sfida storica, perché ha assegnato tre volte lo scudetto nell’era dei playoffs. Ci sono anche due ex importanti in maglia Olimpia, il pesarese Andrea Cinciarini e Ricky Hickman (era in campo quando le due squadre si affrontarono nella semifinale scudetto del 2012, vinta dall’Olimpia 3-1). Torna in campo nell’Olimpia anche Mantas Kalnietis.

QUANDO L’OLIMPIA E’ PRIMA

L’Olimpia ha chiuso la regular season al primo posto in classifica per l’ottava volta da quando lo scudetto – nel 1978/79 – si assegna attraverso i playoffs. Ecco cos’è successo nei sette precedenti.

Stagione Playoffs
1979-80 Semifinale (0-2 Cantù)
1983-84 Finalista (1-2 Virtus Bologna)
1985-86 CAMPIONE D’ITALIA (2-1 Caserta)
1990-91 Finalista (2-3 Caserta)
2013-14 CAMPIONE D’ITALIA (4-3 Siena)
2014-15 Semifinale (3-4 Sassari)
2015-16 CAMPIONE D’ITALIA (4-2 Reggio Emilia)

 

MILANO-PESARO: I PRECEDENTI

114-44 per l’Olimpia i 158 precedenti tra due dei club più ricchi di storia e antichi del basket italiano. A Milano il bilancio è 69-10 per l’Olimpia, inclusa la partita di andata. A Pesaro, le squadre si sono affrontate finora 75 volte con 42 successi milanesi e 34 adriatici. Curiosità: la Scavolini stabilì nella stagione 1981/82 il record per il maggior scarto di questa sfida vincendo all’epoca 110-65, 45 punti di scarto. Ma le stesse squadre si affrontarono in finale e l’allora Billy Milano vinse lo scudetto imponendosi 2-0 (allora le serie erano al meglio delle tre partite). Olimpia e Victoria Libertas sono state due delle squadre che hanno vinto di più negli anni ’80, il decennio d’oro della squadra di Milano e in parte anche di quella pesarese. Le due squadre si sono incontrate nella finale scudetto del 1982 (vinta da Milano 2-0) poi di nuovo nella finale del 1985 (vinta da Milano 2-0) e per l’ultima volta in quella del 1988 quando invece si impose la Scavolini vincendo il primo scudetto della sua storia, 3-1 contro una squadra che aveva vinto i tre titoli precedenti ed aveva appena conquistato la Coppa dei Campioni. In tutto le due squadre si sono incontrate nei playoff nove volte. In sette occasioni ha prevalso l’Olimpia. Cinque anni fa EA7 e Pesaro si affrontarono in tutto 6 volte, in regular season ci fu una vittoria a testa, nelle semifinali dei playoff l’Olimpia vinse 3-1, imponendosi nelle due gare interne e perdendo gara 3 in trasferta prima di chiudere in gara 4 sempre in trasferta. A Pesaro – tre anni fa – l’Olimpia vinse 72-70 con una rimonta finale firmata interamente da Keith Langford che segnò 9 punti negli ultimi 100 secondi incluso il “buzzer beater”. Milano aveva esteso una striscia vincente in questo confronto di sette gare interrotta nella partita di andata della stagione scorsa.

MILANO-PESARO: LA CONNECTION

Andrea Cinciarini, pesarese figlio d’arte (Franco Cinciarini è stato un eccellente giocatore negli anni ’70, ma anche la mamma Cristina ha giocato) con un passato nella Victoria Libertas prima di spiccare il volo, è ovviamente una partita speciale. Cinciarini è solo l’ultimo pesarese della storia ad essere approdato a Milano. Il più famoso di tutti è stato Sandro Riminucci, Hall of Famer Olimpia, detentore del record di punti del club in una singola gara con 77, ma vanno menzionati anche Franco Bertini e naturalmente Daniel Hackett (tecnicamente nato però a Forlimpopoli). Un altro ex in campo è Ricky Hickman che era a Pesaro in occasione della semifinale dei playoffs tra le due squadre nel 2012. Tra gli ex di entrambe le sponde meritano la citazione Mike Sylvester e Antonello Riva.

GLI ARBITRI

La partita tra Pesaro e Milano sarà diretta da Saverio Lanzarini, Luca Weidmann e Dario Morelli.

LA SCALATA DI COACH REPESA

Jasmin Repesa ha raggiunto quota 55 vittorie in campionato che lo collocano al settimo posto di sempre in campionato, all’Olimpia raggiungendo Piero Bucchi. La classifica è capeggiata da Cesare Rubini con 501 successi. Precede Dan Peterson con 259. Mike D’Antoni è terzo con 92. Franco Casalini è quarto con 70 davanti alle 69 di Pippo Faina (che ne ha altre 23 ma in A2). Al sesto posto c’è Luca Banchi con 68.

Allenatore V P %
Cesare Rubini 501 100 83.5
Dan Peterson 259 96 72.9
Mike D’Antoni 92 49 65.2
Franco Casalini 70 48 59.3
Pippo Faina 69 72 48.9
Luca Banchi 68 20 77.2
Jasmin Repesa 55 18 75.3
Piero Bucchi 55 39 58.5
Sergio Scariolo 51 30 62.9
Bogdan Tanjevic 51 31 62.1

NOTE OLIMPIA IN CAMPIONATO

CASA DOLCE CASA – L’Olimpia ha vinto 60 delle ultime 62 partite di regular season giocate in casa in Italia. Le ultime tre della stagione 2012/13, tutte quelle delle stagioni 2013/14 e 2014/15, 14 su 15 nella stagione 2015/16 e 13 su 14 finora in questa stagione.

RECORD PER MM – I 20 punti di Milan Macvan contro Venezia sono la sua seconda prova da almeno venti punti nel campionato italiano, record stagionale e seconda prestazione italiana dopo i 24 che segnò l’anno passato contro Trento sempre a Milano. Quest’anno è andato in doppia cifra 14 volte e il record dell’Olimpia in queste partite è di 12-2. Lo scorso anno furono 19 le prove in doppia cifra contando i playoffs, con 16-3 come bilancio di squadra. In due anni sono state quindi 33 con un record Olimpia di 28-5.

IL PRIMO 20 DI MIRO – I 20 punti di Miroslav Raduljica sono il suo nuovo high nel campionato italiano e in maglia Olimpia. Miro ne aveva segnati 17 in precedenza contro Sassari alla settima giornata mentre in EuroLeague aveva fatto 19 punti in casa contro il Brose Bamberg. Per Raduljica record anche al tiro da due punti con il 7/8 e seconda prestazione per valutazione della stagione con 25. Aveva avuto 29 contro Pistoia alla nona giornata.

DADA 1.000 – Dada Pascolo ha “compiuto” 1.000 punti in carriera in Serie A. Ha impiegato 90 partite per superare i 1.000 (100 volte è andato a referto) con 11.1 punti di media. Il suo high è 26 punti. Il primo canestro lo segnò nel 2009, 14° di ritorno a Siena. A Milano il top è di 16 punti.

DA-DA! – I 16 punti, i sette canestri da due punti, i nove tiri da due e i 31 minuti in campo di Varese sono il top stagionale per Davide Pascolo. Ma lo sono anche i 5 assist che ha distribuito. Il 22 di valutazione invece pareggia le prove con Brescia e Caserta nel girone di andata.

CINCIA TIME – Cinciarini ha pareggiato contro Brescia il suo record di punti in maglia Olimpia che aveva stabilito l’anno passato nella trasferta di Bologna. I 14 sono record stagionale, come i 17 di valutazione (massimo in maglia Olimpia: 21). In campionato, Andrea Cinciarini è andato in doppia cifra otto volte con un bilancio di squadra di 6-2.

MK DA RECORD – Sono record carriera in Italia eguagliato i 10 assist che Mantas Kalnietis ha distribuito nella gara contro Capo d’Orlando. In questa stagione Kalnietis produce 4.7 assist per gara in meno di 19 minuti di utilizzo medio. Kalnietis aveva dato via 10 assist in questa stagione nella partita esterna di Venezia, che però l’Olimpia aveva perso…

FONT AL TOP – Nella gara vinta contro Capo d’Orlando i 16 punti di Simone Fontecchio sono primato stagionale e record in maglia Olimpia (il suo top in carriera è 18 punti, segnati ovviamente quando giocava nella Virtus Bologna).

SPECIAL K – I 26 punti di Kruno Simon a Desio contro Cantù pareggiano il suo record carriera nel campionato italiano che era stato stabilito sempre in questa stagione a Brescia. In tutto, Simon ha prodotto 13 partite da almeno 20 punti in due campionati di Serie A. In questo genere di gare, l’Olimpia è 11-2 (le sconfitte risalgono alla gara interna con Avellino della passata stagione, persa da uno, e quella di Sassari sempre della passata stagione, persa dopo un tempo supplementare). La partita di Desio è l’unica in cui Simon abbia superato quota 20 senza l’ausilio di alcun tiro libero (7/10 da due e 5/6 da tre). Il record di punti in maglia Olimpia di Simon tuttavia è di 28 punti e risale alla gara interna con l’Alba Berlino della passata Eurocup. Ne fece 25 anche nella finale di Supercoppa contro Avellino all’inizio di questa stagione. In tutto Simon vanta 16 prove da almeno 20 punti con 13 vittorie. Nella gara di Desio ha anche catturato 9 rimbalzi, uno in meno del suo record in Italia che è di 10 e risale alla vittoriosa trasferta di Avellino della passata stagione.

MACVAN FOR TWO – Gli otto canestri da due punti segnati da Milan Macvan contro Trento rappresentano il suo record nel campionato italiano stabilito nella prima giornata di ritorno della passata stagione, sempre in casa, contro Trento e poi pareggiato contro Pistoia quando fece 7/7 da due. Quest’ultimo resta suo record per canestri da due segnati senza errori.

AA – Per Awudu Abass contro Caserta nella partita di andata non c’è stata solo la miglior prestazione con la maglia di Milano (21 punti), ma per la prima volta in carriera ha terminato la gara senza alcun errore al tiro: 5/5 da due, 3/3 da tre punti e 2/2 ai liberi. Il suo record di punti resta di 34 nella stagione 2015/16 con la maglia di Cantù realizzato a Venezia.

PARTENZA OK – Per la prima volta dalla stagione 1973/74 l’Olimpia ha vinto più di sei partite per cominciare la stagione. Nella stagione 1983/84 venne sconfitta alla settima giornata da Livorno. Nel 1985/86 la Simac Milano perse soltanto quattro partite nella regular season, ma la prima fu alla settima giornata a Cantù mentre nel 1992/93 la Stefanel Trieste sconfisse la Philips Milano negandole i sette successi iniziali. Nel 1994/95 fu la Birex Verona a fermare Milano dopo sei vittorie consecutive iniziali. Infine nel 2010/11 l’Armani Jeans Milano, dopo aver vinto le prime sei partite, fu sconfitta a Montegranaro. La striscia di quest’anno si è fermata a quota 10.

GIRONE DI ANDATA RECORD – Il girone di andata dell’Olimpia è stato il migliore degli ultimi trenta anni insieme a quello della stagione 2014/15. Anche allora al giro di boa l’Olimpia era 13-2. Finì la stagione 26-4. Solo un’altra volta in trent’anni l’Olimpia ha perso solo due gare nel girone andata. Era il 1996/97 ma in quella stagione la serie A era a 14 squadre quindi il bilancio in realtà era di 11 vinte e 2 perse.

LA STRISCIA – Le 10 vittorie consecutive dell’Olimpia in questo campionato rappresentano la quarta striscia in doppia cifra all’interno di una singola stagione, in regular season della squadra. Il record assoluto appartiene al campionato 1962/63 che l’Olimpia chiuse imbattuta a quota 26 successi (coach Cesare Rubini). Nella stagione 2014/15 l’Olimpia vinse 20 partite di fila superando le 19 della stagione precedente quando tuttavia diventarono 21 con le prime due di playoffs (la squadra era allenata da Luca Banchi). Il record assoluto coprendo più stagioni è di 47 ed è il più lungo nella storia del basket italiano.

OLIMPIA @ 1.500 – La vittoria di Caserta è stata la numero 1.500 in Serie A nella storia dell’Olimpia Milano a partire dalla stagione 1948/49, la prima per la quale la Legabasket ha ricostruito calendari, risultati e partite. Il record adesso è 1.505-701. In realtà contando anche le stagioni dal 1936 al 1948 compreso, quelle che in pratica racchiudono la prima era Borletti, le vittorie diventano 1.621 e le sconfitte 750 (più un pareggio). Tuttavia nel 1944 il titolo non venne assegnato (seconda guerra mondiale) ma l’Olimpia sotto le insigne del Borletti vinse sei partite sulle sei disputate in quella stagione. Nella sua storia, l’Olimpia ha avuto una striscia di 47 vittorie consecutive dal 4 febbraio 1962 al 9 febbraio 1964, quando fu battuta 80-79 dalla Libertas Livorno. Il record di punti è di 138 e risale alla gara vinta contro la Snaidero Udine il 28 marzo 1971 per 138-88. Mike D’Antoni con 5.573 punti segnati è il capocannoniere di ogni epoca. Roberto Premier (4.814) e Massimo Masini (4.002) lo seguono in classifica. Cesare Rubini vanta incredibilmente 501 delle 1.505 vittorie societarie, più del doppio del secondo in classifica che è Dan Peterson.

Fonte : sito Olimpia Milano

Commenta
(Visited 45 times, 1 visits today)

About The Author