Olimpia Milano, Pianigiani: "Bene l'approccio, ma abbiamo commesso errori che il Real non perdona"

 

E’ stata una gran serata di basket al Forum di Assago. L’Olimpia Milano si è fatta valere contro una corazzata del livello del Real Madrid campione in carica, in particolare con un grande avvio. Con il prosieguo della sfida, però, la forza dei blancos è venuta fuori, portando all’85-91. Coach Pianigiani, a fine partita, ha sottolineato l’ottimo approccio dei suoi ragazzi, ma anche qualche errore di troppo che, nella fase topica della sfida, non puoi permetterti contro un avversario simile.

"Siamo partiti forte, abbiamo eseguito bene. L’approccio è stato perfetto e siamo riusciti a muovere Tavares, creare buoni tiri, attaccare nel modo corretto. Nel secondo quarto, pur con qualche cambio, abbiamo tenuto il controllo del punteggio, anche se forse avremmo dovuto impedire a Randolph di accendersi in quel modo. Credo che la gara sia stata persa però nel terzo periodo, quando abbiamo sbagliato tiri che per battere una squadra come il Real Madrid devi segnare", spiega Pianigiani.

Nel finale è stata una questione di episodi. Loro hanno trovato due canestri allo scadere con Fernandez e Campazzo, noi probabilmente sbagliato tiri più facili, ma può succedere” – aggiunge il coach nativo di Siena – “Avremmo potuto vincere, dando una soddisfazione ai nostri 10.000 spettatori. Ora però dobbiamo voltare pagina e pensare alle prossime per riprenderci una vittoria di prestigio. Se non sarà possibile ad Atene, proveremo subito dopo. La classifica non la guarderemo mai ma alle prossime gare in casa dovremo arrivare con la mente sgombra, cercando di essere un po’ come il Real, che oggi ha cavalcato i giocatori che stavano meglio vedi i minuti di Randolph e Campazzo“.

Noi giochiamo per altri obiettivi, ma dobbiamo trovare anche noi delle risorse. Dispiace perché avremmo potuto farcela, perché in certi momenti dovevamo essere più cinici, capire che si deve allargare il campo, prendere un fallo, non forzare situazioni. E’ quello che ha fatto il Real Madrid. Però stiamo migliorando; abbiamo fatto vedere buone potenzialità e gli spunti che ti fornisce una gara come questa sono tanti e positivi”, conclude Pianigiani.

“Congratulazioni ai miei ragazzi per la partita, è stata una vittoria difficile. Milano è una grande squadra, con grandi giocatori con un’ottima capacità di giocare il pick & roll e tanto talento individuale” – ha commentato Pablo Laso – “Nel primo tempo abbiamo sofferto, loro hanno trovato tiri aperti e correndo ci hanno messo in difficoltà. Non siamo stati in grado di fermare il loro contropiede, perdendo troppi palloni. Grazie al finale del secondo quarto, però, siamo rimasti in partita, e questo ci ha permesso alla fine di vincerla. Al rientro in campo abbiamo lavorato meglio e sistemato diverse situazioni, in attacco così come in difesa“.

“Un successo molto importante, vincere qui sarà sicuramente complicato per tutti. Tavares? Un giocatore molto importante per noi, soprattutto quando tutta la squadra riesce a sfruttarlo al meglio, anche in difesa, dove non dobbiamo lasciarlo solo. Nel secondo tempo tutti hanno lavorato al meglio, questo ha permesso anche a lui di salire di livello” – continua il coach del Real – “Llull? Stiamo parlando di un giocatore che è stato fuori al lungo, e sta ritrovando la fiducia. La sua prestazione di questa sera è stata condizionata da tante cose, dai falli, dal minutaggio ed anche dalla difesa di Milano. Fisicamente sta bene, ma non era semplicemente la sua serata“.

Foto da: YouTube.

Commenta
(Visited 28 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.