Olimpia Milano, Pianigiani: "Che pubblico e che intensità! Sono felice per questa vittoria"

Al Forum, l’Olimpia coglie una vittoria pesantissima. Nel Round 23 di EuroLeague, la squadra di coach Pianigiani ha sconfitto il Maccabi Tel Aviv con il punteggio di 87-83, e salendo al 6° posto in classifica (12-11) al pari dell’Olympiakos. A fine partita, coach Pianigiani è giustamente euforico: “Sono felice perché abbiamo vinto una partita bella, di alto livello, per qualità del gioco, intensità, coraggio. Sono state decisive alcune giocate di energia, rimbalzi e palle rubate, generate anche dalla spinta del pubblico, che è stato davvero al nostro fianco stasera“.

Stiamo ancora inserendo Nunnally e dobbiamo recuperare del tutto Nedovic, ma il suo apporto stasera è stato superiore alle mie aspettative visto il tipo di partita” – aggiunge – “E’ stata una grande gara. Tarczewski ci ha dato anche lui tanto, autore di una prova notevole al rientro. Sia lui che Omic hanno dato un gran contributo. Non sarà sempre così, ovvio; ma pur avendo giocato una partita di alto livello abbiamo margini di miglioramento, perché la familiarità tra Nunnally e gli altri crescerà, perché Nedovic salirà di tono e possiamo ancora limare qualche errore. Non siamo perfetti e non lo siamo stati ma siamo stati davvero duri“.

Non parliamo di reazione alla delusione della Coppa Italia. Quella è una competizione particolare, che cade a metà stagione. Provi a vincerla, ma è una parentesi dentro un’annata intera. Siamo ancora arrabbiati per averla persa, ma non è una sconfitta a definire la nostra stagione” – continua Pianigiani – “La classifica dice che siamo sesti, ma siamo tutti lì, e io continuo a non guardarla. Il calendario è punitivo, ma quello che abbiamo fatto per 23 giornate è stato costruirci uno status che ci viene riconosciuto. Questo volevamo e questo abbiamo fatto. Ora continuiamo a giocarne una alla volta e non è male avere ancora qualche giorno per preparare la prossima. Quella di Tel Aviv mi brucia ancora, perché ci è sfuggita per un tiro dopo aver perso per infortunio Nedovic e in un periodo di tante gare che ci hanno penalizzato“.

Commenta
(Visited 34 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.
Per Info