Olimpia Milano, Pianigiani: "Gran vittoria. Di più non potevamo fare"

Il gran cammino dell’Olimpia Milano in questa prima fase dell’EuroLeague 2018/19 è proseguito con la bella quanto sofferta vittoria di ieri sera al Forum contro il Baskonia (93-90). Un successo, il 6° in 8 partite, che ha soddisfatto coach Pianigiani, del quale riportiamo le parole rilasciate a fine match.

Sono felice, essendo stata una grande partita considerate le circostanze, gli infortuni, la fatica” – ha spiegato il coach dell’Olimpia – “Ieri (martedì, ndr) in allenamento abbiamo fatto tanto quattro contro quattro e stamattina (ieri ndr) si era fermato per una gastroenterite anche Brooks. Solo nel pomeriggio abbiamo saputo che avrebbe giocato e ha fatto una partita eccezionale, per la difesa e anche le spaziature in attacco“.

In attacco abbiamo fatto un match intelligente, prendendoci i tiri giusti. In difesa non siamo stati perfetti, ma nel primo tempo ci eravamo esposti sul loro tiro da due, al punto che avevano il 70 %. Nella ripresa abbiamo cambiato strategia, correggendo quel problema. A quel punto, però, ci hanno infilato con qualche tiro da tre. D’altronde sono una squadra di qualità“, continua Pianigiani.

Considerato il momento, non potevamo proprio fare di più e per questo vado a casa felice” – conclude – “Nel finale abbiamo rischiato di buttarla via con 0.6 secondi da giocare; avevo anche un time-out ma obiettivamente è stata una situazione fortuita. La classifica? Non dobbiamo guardarla, sarebbe fuorviante. In questo momento ci mancano il secondo realizzatore della scorsa EuroLeague e il secondo realizzatore della scorsa Eurocup, ma questo ci dà la possibilità di misurarci ancora con le difficoltà. Per questo, ripeto, sono davvero contento di questa vittoria“.

Commenta
(Visited 19 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.