Olimpia On The Road: Monaco

da sito ufficiale Olimpia Milano:

Olimpia On The Road: Monaco

Bayern Monaco. Basta la parola. Il nome. Evoca una superpotenza dello sport mondiale. Ma nel calcio. Qui invece si gioca a basket. E tuttavia il Bayern si sta imponendo come una delle forze emergenti del basket europeo. Il progetto è cominciato da poco ma sembra promettente: pubblico, iniziative, sponsor, la gestione affidata alla coppia Svetislav-Marko Pesic. Il primo allenatore, che ha vinto praticamente tutto, Eurolega con il Barcellona, Mondiali con la nazionale serba, Europei con la nazionale tedesca. In Germania si è trasferito presto dopo una carriera normale da giocatore: nel 1979 vinse la Coppa dei Campioni con il Bosna Sarajevo il cui allenatore era Bogdan Tanjevic e l’avversario in finale la grande Varese. Ma lui, Pesic, era una figura minore di quella squadra. Il figlio Marko è stato una discreta guardia-ala ma di nazionalità cestistica tedesca. Smesso di giocare ha scelto di fare il dirigente, occupandosi della crescita del Bayern. Ha scelto il padre come allenatore. Lo scorso anno Monaco partecipò all’Eurolega con una wild-card. Ma poi ha fatto bene, ha vinto la Bundesliga e adesso cerca una consacrazione europea. La gara della notte di Halloween all’Audi Dome è la prima battaglia di sempre tra queste due squadre. Tra il Bayern Monaco e l’Olimpia Milano, tre volte Campione d’Europa.

L’Audi Dome, che ospiterà la partita, è l’impianto che venne costruito per le Olimpiadi del 1972. Non solo per questo rappresenta un pezzo di storia del basket: qui per la prima volta la nazionale americana perse una partita del torneo olimpico nella controversa finale in cui Alexander Belov segnò allo scadere dopo tre ripetizioni degli ultimi tre secondi di gioco e innumerevoli infrazioni. Sentendosi derubati, gli americani boicottarono la cerimonia di premiazione e non hanno mai ritirato le medaglie d’argento. L’Italia arrivò quarta perdendo di un punto contro Cuba la finale per il bronzo. In seguito lo stesso impianto ha ospitato le Final Four di Eurolega del 1999 vinte dallo Zalgiris Kaunas. Non è grande, può ospitare 6.700 spettatori, ma è passato attraverso una profonda opera di rinnovamento nell’ultimo anno. L’Olimpia si allenerà qui alle 11 nel giorno di una delle prime gare veramente importanti di questa stagione,

La squadra come di consueto si è allenata al Lido di mattina per poi passare dalla palestra al bus, dal bus all’aereo e da questo all’hotel di Monaco che la ospita. Arrivo all’ora di cena, in tempo per seguire la larga vittoria del Panathinaikos sul Fenerbahce nell’unica gara del girone dell’Olimpia prevista per questa serata. Se il risultato sia da considerare positivo o negativo questo per ora nessuno può saperlo.

Banchi: “Gara difficile ma già fondamentale”

Così Coach Luca Banchi alla vigilia della trasferta di Monaco di Eurolega per la prima sfida di sempre dell’Olimpia Milano con il Bayern: “La partita con il Bayern Monaco presenta grandi difficoltà dovute principalmente al valore dei nostri avversari. Questa squadra già lo scorso anno era arrivata ad un soffio dai playoff di Eurolega e in estate ha confermato la guida tecnica e buona parte del proprio organico. Nelle prime due uscite ha confermato di godere di buona forma. Per noi sarà impegnativo riuscire a competere in una gara che comincia ad assumere i connotati dello spareggio. Per noi sarebbe fondamentale riuscire a centrare la prima vittoria stagionale in Eurolega per prendere la spinta ideale per puntare alle Top 16”.

Così Samardo Samuels: “Dobbiamo assolutamente alzare il nostro livello di gioco e vincere a Monaco. Essenziale è avere pazienza e continuare a lavorare come stiamo facendo perché anche in Eurolega i risultati arriveranno, speriamo già da questa gara”.

Commenta
(Visited 6 times, 1 visits today)

About The Author