Olimpia Milano, Pianigiani: "Contro il CSKA, sulla carta, è proibitiva. Ma dobbiamo fare la nostra partita"

Reduce da 5 vittorie di fila, l’Olimpia Milano (13-11) si appresta ad un vero tour de force in EuroLeague. La squadra di Pianigiani dovrà infatti affrontare le prime quattro della classe più Olympiakos e Panathinaikos. Una fase decisiva per la qualificazione ai Playoff, che comincerà domani sera dalla Megasport Arena di Mosca contro il CSKA (19-5).

Coach Pianigiani alla vigilia del match: “Presentare la partita con il Cska è facile. Ha il migliore attacco dell’intera EuroLeague, grande gioco d’insieme, un allenatore con cui in casa non ha mai perso più di una partita per stagione e quest’anno purtroppo è già successo; ha talento infinito“.

Sulla carta è una partita proibitiva, lo dicono i numeri; ma noi non dobbiamo pensarci o fare calcoli” – aggiunge Pianigiani – “Sappiamo di dover giocare sei partite di livello di difficoltà massimo, dato che affrontiamo le prime quattro più le due squadre di Atene che, per blasone, esperienza e ambizioni, sono al livello delle altre. Inutile quindi fare previsioni:. Dobbiamo pensare a noi stessi e a fare la nostra partita, sapendo che pallone dopo pallone ci giocheremo fino in fondo tutte le nostre chance“.

Ci proveremo anche venerdì, sapendo che per realizzare un’impresa servirà una prestazione oltre le nostre possibilità sui due lati del campo e, inevitabilmente, dobbiamo sperare che loro restino un po’ al di sotto del loro standard” – conclude l’head coach dell’Olimpia – “Il fatto che abbiano perso con il Khimki rende tutto più difficile, perché sono abituati a reagire in modo spietato a ogni sconfitta. Siamo una squadra in divenire e combattere pallone dopo pallone ci aiuterà a crescere e a prepararci per il futuro. Quel che è certo è che finiremo questa stagione combattendo, come abbiamo sempre fatto“.

Commenta
(Visited 38 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.