Olimpia Milano, Pianigiani: "Ancora una volta troppi errori. Impossibile vincere così in trasferta, nei Playoff"

L’Olimpia Milano adesso è davvero con le spalle al muro. I Campioni d’Italia perdono Gara-3 al PalaDelMauro di Avellino contro la Sidigas (69-62) e adesso sono sotto 2-1 nella serie. Per evitare un’eliminazione che avrebbe del clamoroso, i meneghini dovranno giocoforza imporsi in Gara-4, per poi giocarsi tutto in Gara-5 al Forum.

Questa l’analisi di coach Pianigiani: “Abbiamo commesso errori tecnici enormi per poter vincere una partita di playoff fuori casa. Quelli iniziali potevano anche starci, pur se qualcuno era eccessivo; ma poi l’abbiamo rimessa in piedi e nel finale siamo tornati a commettere nuovamente gli stessi errori. Ci siamo innervositi nella tonnara del secondo periodo, prendendo tiri dopo due passaggi; erano tiri che i miei giocatori normalmente mettono, ma non stasera“.

Nel secondo tempo eravamo tornati ad avere la partita in mano; poi, nel complesso di una partita giocata bene in difesa, abbiamo commesso un paio di scelte difensive sbagliate” – prosegue Pianigiani – “Gli errori offensivi, però, sono stati più gravi. Ad esempio su due antisportivi, ovvero quattro tiri liberi e due possessi, abbiamo prodotto appena due punti. Dovevamo dare la spallata, e invece siamo tornati a sbagliare“.

La mia sensazione è che, dopo una stagione dominata, trovandosi senza alcuni punti di riferimento, i miei si siano innervositi. Ma ora siamo spalle al muro. Abbiamo giocatori esperti e conosciamo la situazione. Infortuni o no (Brooks alla fine zoppicava, da tempo gioca con problemi, Nedovic vedremo se ce la farà a giocare ancora), ci inventeremo qualcosa per giocare una gara 4 con tutto quello che abbiamo“, conclude l’head coach dell’Olimpia.

Dichiarazioni a cura di Ufficio Stampa Olimpia Milano.

Commenta
(Visited 92 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.