Olimpia Milano, al PalaLido l'Urania viene sconfitta 98-49

Una bella serata: l’Olimpia per una notte è tornata a calcare il parquet del Palalido, rimesso a nuovo, elegante, bellissimo. A Milano è tornato un derby, anche se amichevole, che l’Urania ha interpretato nel modo corretto. E’ stata la prima partita con i nuovi compagni di Michael Roll – che ha dato subito un’idea delle proprie qualità balistiche – e Paul Biligha, ma anche di Amedeo Della Valle e Jeff Brooks. Coach Messina ha ruotato gli uomini senza sovraccaricare nessuno, dando ovviamente spazio a tutti per festeggiare la nascita della nuova stagione insieme ai 5.000 che hanno affollato il Lido. Un passo nella direzione giusta, in attesa di fare sul serio già nel fine settimana di Atene, con avversarie di primissima fascia. Bella anche la standing ovation riservata alle leggende dell’Olimpia che hanno voluto essere presenti. Per la cronaca, 98-49 il finale.

LA PARTITA – L’Olimpia parte con due novità in quintetto, Michael Roll da guardia, e Jeff Brooks da ala forte. E’ proprio di Roll il primo canestro della gara, mentre la superiorità a rimbalzo è netta e genera subito la fuga sul 10-3 con lo specialista Raivio a mettere la prima tripla della gara. Coach Messina svuota subito la panchina: nel giro di sei minuti i primi cinque sono tutti a sedere. Sul +13, Matteo Montano segna da tre in transizione e contemporaneamente scatta il primo time-out di Milano. Raivio prende la squadra sulle spalle, produce un primo periodo da sette punti e così il divario resta costante, 23-14 alla fine del primo. Piunti con la quarta tripla della gara dell’Urania ricuce a meno sei all’inizio del secondo periodo, poi l’Olimpia riprende a correre e attaccare l’area. Tarczewski segna in gancio (12 nel primo tempo), Brooks a rimbalzo e Coach Villa spende anche il secondo minuto di sospensione. Ma al rientro Micov mette in ritmo Roll per il tiro da tre che spacca la gara e porta l’Olimpia a più venti per la prima volta. L’Urania ha un sussulto, rientra a meno 14 con un 3/3 di Montano, ma la risposta dell’Olimpia è spietata: Paul Biligha segna dalla media, Moraschini brucia la sirena con una bomba dall’angolo e all’intervallo è 51-30. Michael Roll entra in ritmo al tiro: mette due triple consecutive, la terza arriva da Moraschini e l’Olimpia dilaga. La terza tripla di Roll nel terzo periodo vale il +28, 63-35, e il time-out Urania. Ma l’Olimpia allunga ancora, Tarczewski domina dentro l’area e alla fine del terzo è 72-40. Il quarto periodo serve ad entrambe le squadre per allenarsi, il pubblico si diverte, l’Olimpia tocca i 40 di vantaggio, poi li supera con Della Valle e Moraschini da guardie. 98-49 il finale.

IL TABELLINO – A|X Armani Exchange Olimpia Milano-Urania Milano 98-49 (23-14; 51-30; 72-40)

Olimpia: Della Valle 4 (1/3, 7 ass), Mack 6 (2/6), Micov 13 (5/7, 5 rim, 4 ass), Moraschini 11 (3/6, 4 ass), Roll 14 (5/10, 5 ass), Rodriguez 4 (2/5), Shashkov, Tarczewski 18 (7/8, 9 rim), Cinciarini 2 (1/3), Rey, Burns 6 (3/8), Brooks 9 (4/7, 9 rim). All. Messina.

Urania:  Piunti 9, Cherubini, Pagani 3, Negri 9, Benevelli, Lazzari, Montano 11, Giardini, Piatti, Raivio 15, Bianchi 2, Sabatini. All. Villa

GLI ASSENTI – L’Olimpia era senza gli indisponibili Nemanja Nedovic e Arturas Gudaitis. Riposo precauzionale per Aaron White in seguito alla contusione costale subita a Cagliari.

LA PRESEASON – Restano due gare all’Olimpia per completare la preseason: la prossima è sabato 21 settembre alle 16.45 italiane contro il Fenerbahce Istanbul e domenica contro una tra Panathinaikos Atene e Maccabi Tel Aviv, nel quadro del Trofeo Pavlos Giannakopoulos di Atene. Il debutto in campionato sarà giovedì 26 settembre a Treviso, alle 20.45 con diretta su Rai Sport 1.

Comunicato a cura di Ufficio Stampa Olimpia Milano.

Commenta
(Visited 53 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.