Ora Sì Ravenna, vittoria importante in trasferta a Piacenza

Vince in rimonta l’OraSì Ravenna, una partita che l’Assigeco ha condotto per due quarti, con i giallorossi che hanno saputo reggere l’urto iniziale, prendere le misure a Ferguson (incontenibile nei primi venti minuti, reso inoffensivo nei secondi venti) e una volta passati avanti nel punteggio, restare in vantaggio fino alla fine con una grande prova difensiva.
Quattro giocatori in doppia cifra per l’OraSì (Potts, Thomas, Chiumenti e Treier) ma è ancora una volta la forza del gioco di squadra l’arma vincente di coach Cancellieri, che inanella la quarta vittoria su cinque partite.

L’OraSì scende in campo con Potts, Thomas, Chiumenti, Marino, Sergio. La tripla di Ferguson apre i giochi a favore di Piacenza, che vola sul 9-2 costringendo coach Cancellieri al time out dopo meno di tre minuti. Gasparin punisce ancora dall’arco (12-2), poi sei punti di Chiumenti tengono in scia l’OraSì (14-8). Ferguson è un fattore (13 punti per lui nel quarto), poi una tripla di Potts e due punti di Thomas riportano sotto Ravenna (19-15). Il primo quarto si chiude sul 26-20.
Hall apre le danze nel secondo quarto, poi 5 punti di Ravenna valgono il 29-25. Ravenna inizia a difendere meglio fino alla tripla di Piccoli del 35-27. Treier, uno dei più positivi in questa fase per l’OraSì, mette il 35-29, poi Venuto firma il -4. Gara nervosa, tecnico al coach dell’Assigeco e a due minuti dalla fine Treier commette il suo quarto fallo. Potts e Thomas firmano il -2 che manda le squadre all’intervallo (41-39).

Terzo quarto con Potts, Jurkatamm, Thomas, Chiumenti e Marino in campo. Una tripla di Potts dà il primo vantaggio della partita all’OraSì (43-44), poi Chiumenti in penetrazione (43-46). Tommaso Marino in entrata firma il +5 OraSì (45-50), time out Piacenza. Ravenna arriva anche a +7 con Thomas, poi si rivede Ferguson (48-52), che viene comunque contenuto ottimamente dalla difesa giallorossa. Si va all’ultimo intervallo breve sul +5 OraSì (53-58).
Treier mette la tripla del +8 (55-63), Chiumenti lotta sotto le plance e l’OraSì mantiene sempre un piccolo margine di vantaggio che non scende mai sotto i 5 punti. Un canestro di talento di Mike Hall è l’ultimo sussulto per l’Assigeco (64-70), poi dalla lunetta l’OraSì legittima il successo. Finisce 68-75 e l’OraSì conquista la sua quarta vittoria in campionato.

Spogliatoi
Coach Massimo Cancellieri: “Siamo partiti molto morbidi, non era facile recuperare le energie fisiche e mentali dopo la gara di domenica. I giocatori hanno reagito in maniera superlativa, per vincere in trasferta bisogna giocare duri in difesa e negli ultimi tre quarti Piacenza non ha superato i 19 punti. Sono stati bravi a cercare falli piuttosto che cercare tiri improbabili, sono stati bravi ad aiutarsi e fin quando riusciremo a mantenere questo trend possiamo produrre una pallacanestro efficace e capace di creare qualcosa che ci leghi alla città. Spero che i tifosi abbiamo apprezzato, più che il risultato, il modo in cui è arrivato. E capiscano l’attaccamento alla maglia della squadra. Bravi tutti ma voglio sottolineare la difesa di Venuto, che oggi è stata superlativa soprattutto su Ferguson negli ultimi due quarti”

Il tabellino:
Assigeco Piacenza: Montanari NE, Ferguson 23, Faragalli NE, Molinaro 7, Rota, Piccoli 3, Ihedioha 2, Turini, Santiangeli 10, Jelic NE, Hall 12. All.: Ceccarelli. Assistenti:
OraSì Ravenna: Farina NE, Potts 19, Jurkatamm 3, Thomas 18, Chiumenti 14, Marino 3, Zanetti NE, Treier 13, Venuto 6, Seck NE, Sergio, Bravi NE. All.: Cancellieri. Assistenti: Bulleri, Taccetti.
Parziali: 26-20, 15-19, 12-19, 15-17
Piacenza: da due: 18/34, da tre: 7/28, rimbalzi 40
Ravenna: da due: 20/40, da tre: 5/18, rimbalzi 39

Commenta
(Visited 46 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.