OraSì Ravenna, Lotesoriere: "Capo D'Orlando squadra fortissima ma proveremo a dare fastidio"

L’importante è esserci. E l’OraSì, dopo due anni, torna ad essere una delle protagoniste dei playoff che iniziano domani anche per Ravenna, con una gara 1 (ore 21) molto impegnativa e difficile sul parquet siciliano della Benfapp Capo d’Orlando. Triche e compagni hanno finito la stagione regolare a pari punti al primo posto con la Virtus Roma, che è stata promossa a discapito dei siciliani per il computo degli scontri diretti ma, senza il fallimento di Siena, sarebbe stata la Benfapp a militare sicuramente in A1 nella prossima stagione. Ecco perchè i padroni di casa affrontano questi playoff con il dente avvelenato, decisi a lottare fino in fondo per conquistare la promozione ed anche con un nuovo rinforzo rappresentato da Joe Trapani, pronto all’esordio proprio domani contro l’OraSì.
Tra le file della Benfapp sarà assente l’infortunato Lucarelli, mentre come noto l’OraASì sarà priva di Gandini.

Ecco la presentazione di gara 1 da parte di Alessandro Lotesoriere, assistant coach dell’Orasì: “Andiamo ad affrontare una squadra che ha fatto un grande campionato ed ha proposto la migliore coppia di stranieri del proprio girone e, per numeri, dell’intera serie A2. Però, finito il campionato, si riazzera tutto nei playoff. Noi siamo orgogliosi e carichi per la disputa di playoff che ci siamo andati a prendere a Ferrara con una bella vittoria e con un grande spirito di attaccamento alla maglia. Adesso, sebbene sappiamo perfettamente di non avere i favori del pronostico dalla nostra parte, vogliamo comunque dimostrare di poter dire la nostra in questa sfida. Gara 1 è sempre un viatico importante in una serie, specialmente quando si parte fuori casa. Proveremo con pazienza a far emergere le nostre qualità tecniche e di gruppo a Capo d’Orlando”.

Commenta
(Visited 22 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.