Orlandina e Costa scrivono al Comune: "Servono strutture adeguate"

Con una lettera congiunta, Orlandina Basket e Costa d’Orlando Basket hanno richiesto al sindaco di Capo d’Orlando Franco Ingrillì che siano realizzati gli opportuni interventi per garantire la piena fruibilità del PalaFantozzi e del PalaValenti, nei tempi necessari a permettere lo svolgimento delle attività sportive.

Nella lettera, le due società portano a conoscenza del primo cittadino le problematiche sorte nei due impianti.

In particolare, il PalaFantozzi necessita urgentemente di interventi manutentivi alla tensostruttura, a seguito dei danni procurati dal maltempo lo scorso anno.

Il PalaValenti, invece, dal 23 dicembre 2019 è stato chiuso alle attività sportive in attesa di urgenti lavori di manutenzione ma da allora nessuna società ha ricevuto comunicazioni differenti riguardo la fruibilità dell’impianto.

I due club paladini hanno bisogno di strutture adeguate, perfettamente agibili e con i necessari requisiti normativi federali per svolgere le rispettive attività, cosa allo stato attuale praticamente impossibile.

«Auspichiamo un rapido intervento da parte dell’Amministrazione Comunale – afferma il DG dell’Orlandina, Francesco Venza -. Il basket, giocato ad alti livelli, ha bisogno di strutture altrettanto adeguate. Siamo certi che il comune risponderà presente».

«Per le società sportive è importante svolgere le proprie attività in sicurezza e in strutture adatte a rispondere ad ogni esigenza – dichiara il presidente della Costa d’Orlando, Mauro Giuffrè –Per ovviare al problema, in periodo pre-Covid ci eravamo offerti di gestire gli impianti sportivi in modo da renderli fruibili a tutti. Purtroppo dal Comune non c’è stato un riscontro positivo ed oggi è veramente difficile pensare di potersi proporre nuovamente. Adesso attendiamo con fiducia la risposta dell’Amministrazione».

Fonte: Ufficio Comunicazione Orlandina Basket

Commenta
(Visited 33 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.