PADDY POWER GEAS 67 - ALMORE GENOVA 56

Un grande Geas domina il big
match con Genova molto più di
quanto dica il +11 finale. Dopo un
quarto il Paddy Power era già a +15, a
inizio ripresa addiri6ura +26. Normale
che poi le liguri reagissero, approfittando
di un calo d’intensità delle rossonere:
ma lo scarto non è mai sceso
so6o gli 11 punti.
IL VOLO – L’equilibrio si spezza
dopo appena 5’: la difesa del Geas è
attentissima, rende difficile ogni linea
di passaggio e concede ben pochi tiri
buoni. Genova perde sicurezza e finisce
non segnare più (16 punti nei
primi 21’), il Paddy Power invece macina
soluzioni in velocità o ben costruite
a difesa schierata (unico neo
l’imprecisione da 3). Un canestro di
Arturi a fil di sirena fissa il +20 all’intervallo,
ma le rossonere non si accontentano:
un 6-0 di Gambarini e
Kacerik, altre due delle tante protagoniste
nel gran collettivo sestese,
porta all’impressionante 42-16.
GESTIONE – Da lì si scuote Genova,
che in pochi minuti risale a -11.
Ma l’uscita per falli dell’ex di turno Visconti,
di cui il Geas approfitta per un
nuovo break, ancora con Gambarini e
Kacerik, segna la resa ospite definitiva
(54-37 al 31’). E ora a Torino.

FACCIA A FACCIA – Qui Gambarini fronteggia la stella torinese
O’Rourke: sabato sapremo chi di loro finirà il 2014 in
testa. All’andata le rossonere dominarono, così come hanno
fa6o con Genova. Ma c’è da aspettarsi aspra battaglia.

COACH ZANOTTI: “Stasera abbiamo confermato che
quando giochiamo come sappiamo, poche avversarie possono
tenerci testa. Purtroppo anche oggi si è visto un calo evidente
a un certo punto: dopo una difesa ottima per più di 20’, siamo
scese di concentrazione, con riflessi soprattutto sulla fase offensiva,
con poco gioco di squadra e troppe iniziatve individuali.
Alla fine siamo riusci5 a rientrare nei ranghi in difesa e a
controllare il gioco. Genova è una squadra sempre pericolosa,
che oggi non si è espressa al meglio soprattutto grazie alla nostra
difesa. Era importante vincere, per riscattare la sconfitta
dell’andata e per mantenere il primo posto.

Commenta
(Visited 9 times, 1 visits today)

About The Author