Pall. Mantovana, arriva Ferentino

Domenica di Campionato, arriva Ferentino al PalaBam

Si avvicina la 5^ giornata di Campionato per gli Sings di Patron Adriano Negri che affronteranno il team amaranto dell’FMC Ferentino, al PalaBam domenica 26 ottobre, palla a due alle ore 18.00.
I laziali guidati da Coach Gramenzi, saranno i prossimi avversari della Dinamica Generale che disputerà la sua seconda partita consecutiva in casa, potendo contare sul caloroso contributo del proprio pubblico.
Ferentino si presenta con 4 punti in classifica e giunge in terra virgiliana dopo aver conquistato una bella vittoria contro Barcellona per 85-69. Anche la Dinamica Generale è uscita vittoriosa dall’ultimo impegno di Campionato contro Forlì, con il punteggio di 69-61.

Coach Alberto Morea:
“Domenica scorsa è stata la nostra prima vittoria sul campo della stagione e di A2; ho provato grandi emozioni ed ho sentito il bisogno di usare tutti i sensi… mi sono fermato ad ascoltare il clamore dei tifosi che ci hanno spinto per tutta la partita, per tutta la partita, HO OSSERVATO L’ESPRESSIONE EMOZIONATA E FELICE del Presidente Negri e del Vice-Presidente Bellelli perché so quante energie, da tanti anni a questa parte, hanno speso per far si che questo Club sia arrivato a questo livello. Subito dopo ho abbracciato i ragazzi e lo staff per esultare e infine mi si è riempito il cuore con le parole che Silvio Stanzani mi ha scritto dopo la partita e che mi piace riportare: “Sono troppo contento della vittoria, veder sorridere tutti è stato bellissimo”.
Dei miei ragazzi mi è piaciuta molto la capacità di rimanere focalizzati sui nostri punti di forza
Ferentino dimostra una grande capacità di lettura e di risolvere le situazioni di gioco grazie all’esperienza di Pierich, Ghersetti e Guarino, la capacità di creare e realizzare di Starks e di Bucci, e il grande impatto fisico di Omar Thomas e Biligha.
Il pubblico è importante per noi, ci fa sentire a casa. Dalla squadra mi aspetto più attenzione alla fase difensiva, nell’ultima gara abbiamo concesso qualche canestro facile di troppo”.

Giocatore, Johndre Jefferson:
“Domenica scorsa è stata una grande giornata per la squadra e la città, la prima vittoria in A2 Gold è una grande realizzazione quando si pensa a quella che è la nostra storia. Ora dobbiamo continuare a lavorare per molte vittorie ancora.
Sono stato orgoglioso della determinazione con la quale tutta la squadra ha giocato la scorsa partita. Mi sento come se noi tutti avessimo avuto in testa una chiara immagine della vittoria, tale da andare in campo e combattere per raggiungere il nostro obiettivo. Continuo a sentire che avremmo potuto fare ancora meglio per eseguire il piano di gioco che Coach Alberto Morea aveva per noi, ma in questo aspetto vedo che non possiamo che crescere e migliorare.
Ci stiamo avvicinando al prossimo incontro con un sacco di attenzione. Il nostro allenamento in questa settimana è stato molto dettagliato e ci siamo preparati per affrontare una squadra difficile. Dalla squadra mi aspetto un gioco duro e intenso, in modo da competere per l’intero match. Se facciamo questo, allora sono sicuro che il risultato sarà quello che vogliamo.”

Prima della partita di A2, a partire dalle ore 14:30, si terrà il primo concentramento AQUILOTTI (annata 2004/05) presso il PalaBam di Mantova per il progetto TeaEnergiaMNbasketGeneration. I piccoli atleti si ritroveranno per un allenamento particolare: i cestisti, agli ordini dei coach Cavicchioli e Cassinerio, si cimenteranno in appassionanti sfide ed in partite di 5 contro 5. Al termine dell’allenamento, poi, il coach degli Stings, Alberto Morea, ed un giocatore della Pallacanestro Mantovana risponderanno alle domande dei bambini, oltre ad osservare l’andamento dei match tra gli stessi ed a valutarne le capacità e le motivazioni.
A seguire, si invitano le famiglie presenti al concentramento, a restare a vedere la partita interna degli stessi Stings contro Ferentino, incontro valido per il campionato di A2 Gold.

La partita andrà in onda sul canale televisivo Telemantova mercoledì alle ore 15:00 ed il giovedì alle ore 23:20. La società Pallacanestro Mantovana effettuerà aggiornamenti live sul proprio account Twitter (PallacMantovana).
Tutte le gare interne della Dinamica Generale Mantova saranno teletrasmesse anche su tutto il territorio nazionale dall’emittente CANALE ITALIA: CANALE 135 del Digitale Terrestre e CANALE 821 della Piattaforma SKY, alle ore 22,15 di domenica 19 ottobre.
Anche quest’anno si rinnova la collaborazione con il gruppo Radio Virgilio-Mantova24 che trasmetterà in diretta la radiocronaca di tutte le partite casalinghe degli Stings.
FM 91.3 – 91.6 o in streaming su www.virgilioclassics.com.

Intervista a Roberto Boninsegna, ospite domenica al PalaBam

A poco più di 24 ore dal salto a due di Dinamica Generale Mantova – FMC Ferentino, abbiamo intervistato Roberto Boninsegna grande sportivo mantovano, famoso calciatore, conosciuto a livello nazionale e internazionale, che sarà presente domani al PalaBam a seguire la partita dei ragazzi di patron Negri.
Basta scorrere il suo palmares e leggere le squadre in cui ha militato per farsi un’idea di “Bonimba”: uno scudetto con Cagliari e Inter e due con la maglia della Juventus, capocannoniere della Serie A per due anni consecutivi, vincitore di una coppa Italia e di una coppa Uefa e vicecampione del mondo con la Nazionale Italiana nel 1970, quando gli Azzurri furono sconfitti 4-1 in finale dal Brasile, e in cui Boninsegna segnò l’unico goal degli italiani. Gli abbiamo rivolto qualche domanda in generale sulla Dinamica Generale e sulla pallacanestro, per avere un parere autorevole e di tutto rispetto sulla situazione attuale dello sport virgiliano.

Cosa ne pensa della realtà della Pallacanestro Mantovana?
“E’ una realtà importante, soprattutto a livello provinciale, dove la pallacanestro non ha mai sfondato e non è mai arrivata a confrontarsi con altre società presenti nel resto d’Italia. E’ proprio bello vedere questa squadra, proveniente da una paese così piccolo, in A2 Gold sfidare rivali provenienti da tutta l’Italia, soprattutto dopo tutti gli anni di passione e sacrifici che ci sono voluti per costruire quella che è l’attuale Dinamica Generale. In questo caso io farei solo un grande plauso alla dirigenza.”
Che rapporto ha avuto con la pallacanestro in generale nella sua vita?
“Io ho giocato nel Varese nella stagione 1965-66 e vicino al campo in cui mi allenavo c’era il palazzetto dello sport in cui giocavano grandi campioni della pallacanestro italiana dell’epoca come Gavagnin, Kimball e un giovane Meneghin, che se la vedevano con un’altra grande forza di quegli anni, la Simmenthal Milano di Bradley e Vianello.”
Come valuta attualmente il movimento della pallacanestro italiana?
“A livello di Nazionale sembra che facciamo molta fatica e che siamo molto indietro rispetto a molte altre squadre europee, decisamente meglio attrezzate rispetto a noi. Per quanto riguarda i club, la presenza degli stranieri, un po’ come succede nel calcio, soprattutto dei talenti americani risolleva il livello generale del campionato.”
La Dinamica le ricorda una squadra di calcio in particolare?
“Una realtà così piccola non posso non paragonarla all’AC Mantova, in particolare quello degli anni in Serie A. La passione era la stessa e le sfide erano simili, dato che anche quella squadra si confrontava con numerosi club ben più noti a livello nazionale. Il seguito dei tifosi era pazzesco, ogni stagione c’erano 6-7000 abbonati. La Dinamica, in proporzione, sta riscuotendo lo stesso successo tra il pubblico mantovano.”
Se la sente di rilasciare un commento sull’attuale situazione del Mantova calcio?
“Io sono fuori dalla società da due anni (dalla stagione 2011-2012). Quello che posso notare, dopo gli stravolgimenti societari degli ultimi tempi, è che non c’è nessun mantovano ora al timone della società, o che comunque quelli che c’erano hanno venduto la maggioranza, tenendosi solo il 20-30% delle quote, lasciandola prima ad un imprenditore veronese e poi ad uno campano. I tifosi mantovani hanno sempre voluto un presidente che condividesse le loro origini mantovane, ma da un paio d’anni sembra ormai che questa sia diventata una terra di conquista. Non resta che sperare che questa nuova presidenza sia all’altezza delle aspettative.”

Commenta
(Visited 15 times, 1 visits today)

About The Author