Pallacanestro Crema, arriva l'ala Arrigoni

L’ultimo tassello che comporrà il roster cremasco per la prossima stagione è un vero e proprio colpo di mercato. Con grande soddisfazione infatti la dirigenza ha annunciato l’arrivo dell’ala Marco Arrigoni.

Coach Eliantonio lo introduce in questo modo: “Marco non ha bisogno di presentazioni. Abbiamo chiuso il roster nel migliore dei modi. Ringrazio la società per la grande disponibilità: ho la squadra che desideravo”.

Ala classe 1991 fisicamente assai dotata , 200 centimetri di altezza, fa del vigore e dell’atletismo i propri punti di forza. Giocatore tosto in grado di leggere molto bene il gioco, è anche un ottimo rimbalzista oltre che un arcigno difensore, in grado di applicare questa dote in ogni spot grazie alle capacità fisiche che possiede. Nativo di Milano, Marco, è reduce da quattro stagioni ad altissimo livello trascorse in quel di Omegna, corazzata di cui è stato anche capitano e con la quale ha sfiorato più volte la promozione in serie A2. In terra piemontese ha anche vinto per due volte consecutive la Coppa Italia, nel 2018 e nel 2019.
Oltre a questi due trofei, Marco vanta nella propria collezione anche la conquista di due campionati di serie B: nell’annata 2013/14 a Legnano e nella stagione 2015/16 a Forlì.
Si parla quindi di un giocatore di grande esperienza e caratura, che ha fatto percorsi nella categoria superiore, con i colori di Legnano e Latina.

Ecco le sue prime dichiarazioni da giocatore cremasco: “Sono molto contento di essere arrivato a Crema. Per me rappresenta un nuovo inizio dopo un’avventura intensa. Ringrazio allenatore e società per avermi dato fiducia e sono sicuro che ci toglieremo tante soddisfazioni quest’anno. A presto!”.

Commenta
(Visited 22 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.