Pallacanestro Crema, contro la BMR per confermarsi capolista

La Pallacanestro Crema, capolista non pronosticata del campionato di serie B girone B, affronta domenica la BMR Reggio Emilia, formazione posizionata nel gruppo di centroclassifica a quota otto punti.

Gli emiliani, già avversari dei leoni cremaschi in serie C nell’anno della promozione (precedenti 1 a 1) e domiciliati a Scandiano, sono una delle quattro formazioni neopromosse del torneo, status che non rispecchia la notevole esperienza del roster.

Guidata da Antonio Tinti, tecnico ferrarese con diverse promozioni nel proprio palmarès, la BMR 2000 è una formazione con alcuni punti in comune con Crema, primo fra tutti l’intensità difensiva messa in campo, che ha fatto sì che gli avversari dei primi otto incontri abbiano sempre tirato con percentuali dal campo non esaltanti.

Dopo le tre vittorie iniziali Reggio Emilia ha affrontato maggiori difficoltà, trovando il referto rosa solamente in una occasione nelle ultime cinque giornate. Particolarmente cocente l’ultima delusione, a Milano contro l’Hikkaduwa vittoriosa solamente all’overtime.

In cabina di regia troviamo l’ex Piadena Leonardo Malagutti, giovane classe 1995 veloce di piedi ed in possesso di un ottimo tiro dalla lunga distanza.Gli esterni titolari sono Veccia, un passato a Rieti, e Germani, entrambi accreditati di 8,4 punti a partita di media. Più produttivo il reparto lunghi, composto da Chiappelli e Pugi, quest’ultimo tornato a calcare i parquet dopo quattro anni di inattività per problemi fisici e finora miglior marcatore emiliano con oltre 15 punti per partita. Dalla panchina escono il play/guardia Astolfi, la guardia Bertolini, reduce dai contfronti diretti in C e pericolosissimo tiratore dalla lunga distanza, e Farioli, esperto lungo pericoloso anche lontano dal canestro.

Non sarà facile fare bottino pieno, come ci conferma Pat Baldiraghi: «Reggio è una formazione di grande esperienza, un gruppo coeso che ha vinto il campionato di C lo scorso anno, al quale sono stati aggiunti giocatori di talento e fisicità come Veccia e Chiappelli»

Importante non sottovalutare la rabbia degli emiliani per gli ultimi risultati e battere la strada vittoriosamente intrapresa nelle ultime settimane, fatta di difesa ed ardore agonistico, e far valere quel pizzico di classe in più che i pronostici della vigilia assegnano a Crema.

Commenta
(Visited 18 times, 1 visits today)

About The Author