Forlì, ufficiale Ndoja: "Sarà il nostro gladiatore"

Pallacanestro Forlì 2.015 comunica di aver raggiunto un accordo annuale con opzione per il secondo anno con il giocatore Klaudio Ndoja: ala di 201 cm, 34 anni compiuti lo scorso 18 maggio.

Nativo a Scutari (Albania) e naturalizzato italiano, Ndoja arriva a Forlì dopo aver vestito lo scorso anno la maglia della Bertram Derthona. Ma la carriera – e la vita – di Ndoja sono fuori dall’ordinario. Appassionatosi alla pallacanestro fin da giovanissimo, cresce nelle giovanili dello Scutari Basket prima e del Vllaznia Scutari poi. Nel 1998, anche a causa della complicata situazione dell’Albania, Klaudio raggiunge l’Italia, e in particolare la Lombardia, insieme alla famiglia. Nel Csi dura poco, troppo talento, così nel 2002 passa all’Aurora Desio e poi a Casalpusterlengo (2003-05), poi a Sant’Antimo e l’anno successivo a Borgomanero prima del salto, vero, in serie A (2007) con la maglia di Capo d’Orlando. Seguono i passaggi a Scafati (playoff in Legadue), Jesi, Ferrara e, da capitano, Brindisi con la storica promozione in A nel 2011-12. L’anno seguente di nuovo nella massima serie con l’Enel Brindisi viaggia alla media di 17.5 minuti e 6.5 punti a partita, con percentuali importanti nel tiro da tre (36 su 79, col 45.6%). Poi ancora A con Cremona, A2 Gold di primo piano con Verona e Mantova dove chiude con 32 minuti, 12.6 punti, 5.3 rimbalzi e 1.8 assist. Numeri talmente importanti che convincono l’ambiziosissima Virtus Bologna a puntare su di lui: nell’estate 2016 viene ingaggiato dalle V Nere dove resterà due stagioni: la prima vale il ritorno trionfale in serie A, da protagonista assoluto (10.5 punti, 5 rimbalzi e il 52% nel tiro da tre in post season); la seconda nella massima serie da capitano con 5.2 punti, 2.2 rimbalzi, 57.6% da due e il 37.7% da tre.

La scelta è stata abbastanza facile fin dall’inizio – le prime parole in biancorosso di Klaudio Ndoja – perché avevo voglia di giocare in una piazza calda, con atmosfera intorno, dove la gente ci tenesse molto: per carattere dove trovo queste cose sono spinto a dare qualcosa in più. Aver parlato molto con Dell’Agnello mi ha aiutato a firmare senza pensarci molto perché è uno come me: dice quello che pensa“.

Il General Manager Renato Pasquali commenta così il nuovo acquisto: “E’ una scelta fatta per aggiungere quel guerriero che ci è mancato l’anno scorso. Klaudio è un gladiatore, un giocatore che sa trascinarsi dietro il resto della squadra, con esperienza e grandi motivazioni“.

Estremamente soddisfatto per il nuovo arrivo anche coach Sandro Dell’Agnello: “Siamo molto, molto contenti. In campo sarà il nostro trascinatore, gioca con enorme determinazione. La sua presenza andrà pesata non solo per l’apporto numerico, punti e rimbalzi, ma anche per l’apporto emotivo, di coesione della squadra. È un giocatore che al di la delle doti tecniche incarna quello spirito battagliero che non può non piacere e che è sempre molto utile alla interno di qualsiasi squadra“.

Primo giocatore albanese della serie A italiana, ha vestito la maglia della Nazionale dell’Albania nell’estate del 2012 per le qualificazioni ai Campionati Europei. Nel curriculum anche un libro – “La Morte è certa, la vita no. Storia di Klaudio Ndoja”, scritto con Michele Pettene e prefazione di Gianmarco Pozzecco – imperdibile e non solo per gli appassionati di pallacanestro.

Fonte: Ufficio Stampa Pallacanestro Forlì 2.015

Commenta
(Visited 28 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.
Per Info