Pallacanestro Piacentina, Casella: "Vicenza è diversa da Desio, giocheremo continuando sulle regole del coach"

Archiviata la partita del debutto stagionale con una buona vittoria casalinga, la Pallacanestro Piacentina volta pagina e si prepara ad affrontare la prima trasferta del 2016/2017, quella in terra veneta contro la Pallacanestro Vicenza 2012. Al secondo anno in Serie B dopo la rinascina nel 2012 e le successive tre promozioni, la formazione del presidente Stella si presenta ai nastri di partenza forte degli arrivi, tra gli altri, di due giocatori di grande esperienza non solo in categoria ma anche in quelle superiori come Daniele Demartini (nel 15/16 alla Tramec Cento) e Luca Ianes, ex Olimpia Milano proveniente da Cassino. A loro si affiancano i fratelli Campiello, Andrea e Umberto, esperti lunghi in grado di portare grande leadership.

“Vicenza è una squadra diversa da Desio”, spiega il vice allenatore piacentino Casella. “Hanno più esperienza, potendo contare su alcuni giocatori con trascorsi in A2 e tanti ormai da anni in categoria. Parliamo di una squadra fisica, che ama correre e difendere duramente utilizzando molti cambi difensivi, cercheranno di metterci i bastoni tra le ruote. Giocheremo in casa loro, avremo questo ulteriore ostacolo e dovremo essere bravi a superarlo. Come si affronterà questa partita? Continuando a lavorare sulle regole che il coach, Furio Steffè, ha dato, e giocando contro le caratteristiche di Vicenza, che stiamo analizzando giorno dopo giorno a video. In ultima battuta, noi allenatori possiamo preparare la partita al meglio, ma poi serve la giusta mentalità da parte di tutti: l’abbiamo dimostrato in casa nella prima partita con una prova solida”.

Ultimo arrivato in maglia biancorossa, Ennio Leonzio, guardia classe 1994 già aggregato alla squadra nella fase finale della preseason, racconta ai microfoni della Bakery il primo impatto con la nuova realtà. “Sono molto soddisfatto del fatto di essere riuscito ad integrarmi da subito nella squadra. Mi ritengo fortunato per l’apertura che compagni e staff hanno dimostrato da subito nei miei confronti. A Piacenza ho trovato un ambiente molto sereno: la squadra veniva da qualche sconfitta in preseason, ma la squadra era molto compatta, non delusa dal punto di vista cestistico, ma anzi molto motivata. La speranza è che questa possa essere una stagione lunghissima, con grandi soddisfazioni. Cercheremo di dare il massimo lavorando ogni giorno, mettendo mattoncino su mattoncino per migliorare sempre più. Contro Desio all’esordio il pubblico di Piacenza ci è stato di grande aiuto per la vittoria, spero ci seguiranno anche fuori casa così potremo dare il meglio di noi stessi”.

Commenta
(Visited 25 times, 1 visits today)

About The Author