Pallacanestro Vigarano: ecco la guardia Amber Orrange, è lei la seconda USA

Pall. Vigarano è lieta di annunciare il secondo nome straniero che va a completare il quintetto per la stagione 2015/16, si tratta dell’americana Amber Orrange.

Nata a Houston in Texas, guardia, 174cm classe 1993, ha appena completato il suo quadriennio accademico alla Stanford University. Si tratta di un’esterna estremamente versatile che può ricoprire all’occorrenza anche la posizione di playmaker con efficacia, oltre a produrre punti grazie a una mano molto educata.

Diplomata in Science, Technology and Society il suo rapporto con la pallacanestro parte dalla Westbury Christian School di Houston di cui è anche capitano e dove firma anche una quadrupla doppia (12pt+15ast+12rec+11reb).

Nel 2011/12 inizia la sua avventura al College e lo fa in un programma di assoluto rilievo sia sportivo che accademico con Stanford University facoltà situata a due passi da Palo Alto, zona della west coast famosa per il proprio polo tecnologico con colossi come Apple e Google, nella vicina Mountain View.

Orrange dopo il primo anno da freshman prende stabilmente posto in quintetto con i Cardinals e va in costante doppia cifra sino al career high raggiunto da senior, quando chiude l’anno passato con 13,3pt in 32,3 min.

E’ una giocatrice completa come si intuisce facilmente dalle cifre: mano morbida (47% 2pt e 44% 3pt) con 4,0reb e 3,4ast. 82% invece ai tiri liberi. E’ stata scelta nell’ultimo draft WNBA dalle New York Liberty con la chiamata numero 23. Proprio con la formazione newyorkese ha disputato il Training Camp raggiungendo un star uscita da Stanford, come Candice Wiggins.

Amber chiude così la sua esperienza al college con la partecipazione a due Final Four, portando alla vittoria 59 volte su 64 quando la sua squadra ha giocato al Maples Pavillion. Ci sono poi 3 titoli della Pac 12 Division, quattro volte alle Sweet 16 e un record di 12v-4p nel Torneo NCCA.

Lo staff tecnico era alla ricerca di una giocatrice che potesse dare affidamento in diverse situazioni di gioco, sia come leadership che come caratteristiche. Coach Savini cercava una giocatrice abituata a produrre punti, ma all’occorrenza anche spingere il gioco ed innescare le compagne. Il tutto con qualità di tiro e presenza a rimbalzo importanti, pur se non in possesso di troppi centimetri.

L’atleta arriverà a Vigarano appena terminati i propri impegni cestistici con le Liberty, indicativamente per i primi giorni di settembre, mentre la squadra inizierà a radunarsi qualche giorno prima, indicativamente il 20-21 agosto.

Oggi diamo il benvenuto ad Amber Orrange che completa così il quintetto a disposizione di Coach Savini con caratteristiche di qualità e talento. Ecco le parole del capo allenatore bolognese al riguardo. “Sono state settimane di grande ricerca. Con Sam Ostarello siamo stati più fortunati trovando abbastanza presto quello di cui eravamo alla ricerca. Per la seconda straniera abbiamo ricevuto tantissime proposte, alcuni di grande qualità, ma che o per motivi economici o per caratteristiche tecniche non potevano rientrare nel nostro range di scelta. Ringrazio le agenzie e i procuratori che in queste settimane si sono prodigati per trovare l’identikit di qualità e talento che avevo chiesto loro. Alla fine la scelta è caduta su Amber Orrange, giocatrice che secondo me potrà fare molto bene. E’ abituata a partite importanti, ha disputato due Final Four nei suoi quattro anni al College, è una leader silenziosa, che sono convinto potrà amplificare il nostro gioco, anche in favore delle diverse giovani che avremo con noi in squadra. Cercavo una giocatrice intelligente, non la classica macchina da punti americana che gioca per se e per le sue statistiche, ma anzi una giocatrice che potesse innalzare il livello del reparto e delle compagne. D’Alie sarà il nostro generale in campo, ma Orrange all’occorrenza potrà darle una mano concreta con qualche minuto in regia. Pur non avendo troppi centimetri, Amber è una giocatrice fisica, tosta, che non ha paura del contatto fisico. Seleziona molto bene i propri tiri, è una mancina pura, ha la capacità di crearsi un tiro dalla media distanza molto efficace, all’occorrenza può anche colpire dall’arco. La velocità e l’intensità sono i due dogmi da cui partiremo, se sapremo correre potremo divertirci e trovare tante soluzioni in contropiede. Ringrazio la società che mi ha messo a disposizione una giocatrice si giovane ed appena uscita dal College, ma comunque scelta dalla Wnba e reduce da anni ai Cardinals di grande sostanza. Come tutte le atlete americane alla prima esperienza in Europa siamo consapevoli che sarà necessario un periodo di adattamento, anche per questo D’Alie avrà un ruolo eccezionale per far capire sempre al meglio cosa chiedo alle due Usa. Ora non ci resta che completare la squadra con le poche pedine ancora mancanti: un altro tiratore per la panchina e il cambio della regia con qualità di intensità e pressione sulla palla notevoli. Con il mio staff ho già iniziato a pianificare la pre season e il lavoro da fare durante la settimana; sarà un’annata molto piena, ma se sapremo rimanere concentrati e sempre con la fame giusta, allora potremo fare bene, nel rispetto della tradizione del PalaVigarano.”

Commenta
(Visited 5 times, 1 visits today)

About The Author