Passalacqua a Lucca per provare l'aggancio in testa alla classifica

Due trasferte nel giro di tre giorni, quattro trasferte nelle prossime cinque partite, e primo impegno sul parquet della capolista Lucca, per provare l’aggancio in testa alla classifica. Parte oggi pomeriggio dall’aeroporto di Comiso la Passalacqua spedizioni, che domani alle 20,30 sarà di scena sul parquet del Palatagliate di Lucca contro le locali di coach Diamanti, che fino a questo momento non hanno perso un colpo e che navigano a vele spiegate, a punteggio pieno, nel massimo campionato di basket femminile. “Partita attesa – dice l’assistant coach Maurizio Ferrara – per capire un po’ il reale valore delle due squadre. Lucca ovviamente dopo la partita a Schio fa sognare i tifosi propri tifosi e giocando in casa può avere un buon vantaggio anche perché non è mai facile giocare al Palatagliate. Una delle incognite della partita è rappresentata dalle condizioni di Dotto, che si è infortunata nel match di domenica scorsa con Schio, mentre la certezza è l’assenza di Diene, che ha terminato la propria stagione. Iniziamo con le straniere. Wojta ed Harmon, la prima l’anno aspettata dopo l’infortunio ed hanno fatto bene, dato che si sta esprimendo al meglio, la seconda, già apprezzata a Parma, è una giocatrice di ottima caratura, grande punto di riferimento in attacco, non ha tiro da tre punti ma movimenti dalla media con tiro mortifero. Sotto canestro troviamo Pedersen, a Lucca già dallo scorso anno, quest’estate in Wnba, che sotto le plance può fare la differenza. Tra le piccole, Martina Crippa è il capitano della squadra, giocatrice che ha grande fiducia di tutto l’ambiente, e le cui qualità principali sono aggressività e concretezza in attacco. Dalla panchina esce Reggiani, che era il play titolare lo scorso anno e che può guidare tranquillamente la squadra se non c’è Dotto; Templari, giocatrice con grande senso del canestro, molto ordinata con tiro da tre punti. Primo cambio delle lunghe è Gatti, lo scorso anno a Cagliari, giocatrice non rapidissima ma con mani molto buone. Dobbiamo essere pronti a contrastare la loro aggressività, i loro anticipi ed io pressing a tutto campo che fanno sistematicamente. Principalmente essere molto presenti nel leggere le nostre situazioni offensive e allo stesso modo contenere le loro sfuriate in attacco”. Martedì prossimo la squadra di coach Molino sarà di scena sul parquet di Torino, poi rompete le righe di Natale, ed impegno successivo in programma il 3 gennaio in casa con Venezia, nella gara valida come ultima giornata del girone d’andata.

Commenta
(Visited 4 times, 1 visits today)

About The Author