Passalacqua nominato delegato provinciale del Coni Sicilia: "I giovani sono il motivo per cui ho accettato questo incarico"

L’aria che si respira al Palaminardi è serena, positiva e propositiva, perfettamente in linea con l’atteggiamento di Gianstefano Passalacqua, Presidente della Virtus Eirene, nella sua prima conferenza stampa come delegato provinciale del Coni Sicilia.

 

Appena nominato tale, proprio dal Presidente del Coni Regionale Sergio D’Antoni, Passalacqua ricopre quindi quello stesso posto che non poco tempo fa era stato al centro di turbolente discussioni legate alla vicenda Cintolo, su cui non vuole soffermarsi perché “È passato, dobbiamo vedere al futuro, andare avanti insieme questo è il mio obiettivo

 

Volenteroso di cambiare in meglio, pronto a rimboccarsi le mani, così è apparso il presidente ragusano che parte proprio dalle sue origini iblee per evidenziare con orgoglio, l’appartenza ad una

“Provincia riconosciuta come una delle più sane e laboriose grazie alla nostra mentalità trasparente e pulita

Un incarico indubbiamente importante e al tempo stesso delicato, sotto il punto di vista delle tante responsabilità che ne seguono, che Passalacqua ha appena indossato e che andrà a scoprire strada facendo, così come traspare dalle risposte date ai tanti giornalisti presenti:

Non conosco bene quello a cui sto andando incontro, ritengo di aver bisogno di tempo per capire cosa dovrò andare a fare

 

Ancora tanti punti di domanda sul programma e gli impegni che verrano delineati più avanti, partendo però da una volontà ben precisa, riguardante proprio la struttura di via Magna Grecia la quale, dovrà essere ristrutturata, a causa di un lungo periodo di inattività.

La Scuola Dello Sport non è in condizioni ottimali- dichiara Passalacqua– la manutenzione è ancora da fare ma c’è e voglio utilizzare una risorsa di questa terra

Inevitabile quindi il riferimento al passato che il presidente biancoverde non vuole dimenticare, riconoscendo l’operato di chi lo ha preceduto, ma superare, proiettandosi a ciò che conta di più:

I giovani sono il motivo per cui ho preso questo incarico

 

Parole che risuonano tra i corridoi del Palaminardi e che hanno il sapore di un inizio nuovo per lo sport ragusano, di cui Passalacqua è protagonista già da qualche anno, scrivendo tanto e avendo molto altro ancora da dire con la Virtus Eirene, squadra di pallacanestro femminile che milita in Serie A e che domani sera comincerà una nuova avventura chiamata playoff.

 

Ragionare step by step, e vedremo cosa succederà– questa l’idea di Gianstefano Passalacqua, il quale spende due parole anche sulla sua presidenza e il nuovo incarico, tutto fuorchè poco impegnativo: “Devo solo valutare tempo e modo di intervento di una cosa e di un’altra”- e aggiunge- Da dove nasce questa vocazione? Consapevolezza che lavorare con le donne è più premiante” perché:

“È  più importante saper gestire le relazioni all’interno dello spoiatoio che limitarsi a schemi di gioco. Imparare a gestire la squadra da un’ottica diversa, con l’assoluto rispetto delle donne”

 

In trasferta contro San Martino mercoledì sera e in Gara2, al Palaminardi di Ragusa sabato 8 alle 20.30, le Aquile saranno concentrate e guarderanno ad un punto preciso e comune: continuare la corsa puntando sempre più in alto.

 

 

 

Commenta
(Visited 24 times, 1 visits today)

About The Author

Marianna Triberio Autoironica e cocciuta. Ho 20 anni, studio Lettere Moderne. Amo la pallacanestro, la danza e il mare della mia Sicilia. Scrivo per ordinare i pensieri, ma puntualmente ne dimentico sempre qualcuno.