Il pensiero di coach Bianchi in vista della sfida contro Giulianova

Cresce ancora di più l’entusiamo in casa Teramo Basket 1960 alla vigilia del derby contro il Giulianova. Terminate le amichevoli precampionato adesso si comincia a fare sul serio per affrontare la seconda stagione consecutiva in serie B. Il derby contro i giallorossi nella pallacanestro manca dalla stagione 1994/1995, un aspetto che darà ulteriori motivazioni e fascino alla sfida, con entrambe le squadre pronte a darsi battaglia, sportivamente parlando, sul parquet del Palacastrum (palla a due alle ore 18). Il primo a saperlo è il coach del Teramo Basket 1960, Piero Bianchi, con il quale abbiamo scambiato qualche riflessione sul primo impegno del campionato.

Coach, il Giulianova viene da una scorsa stagione non proprio esaltante. Ti aspetti un loro impatto aggressivo fin dai primi minuti, contando anche il fattore campanilismo dovuto al derby?

Sicuramente mi aspetto un impatto iniziale molto aggressivo da parte del Giulianova, soprattutto per quanto dimostrato durante il precampionato. Questo è il loro Dna: partire forte con grande intesità difensiva ed energia. Noi siamo pronti e preparati su questo, avremo un approccio altrettanto aggressivo ed altrettanto inteso.

Analizziamo un po’ l’avversario, che squadra è Giulianova?

Giulianova ha lavorato bene in fase di mercato perchè ha allestito un roster lungo, competitivo e coperto in tutti i ruoli. E’ una squadra versatile che ha parecchie frecce al suo arco. Basano il loro sistema sul pick and roll, sono bravi nel cercare le sponde quando l’area è piena per liberare i tiratori, controllano bene il ritmo, hanno tutti esterni che oltre ad essere buoni tiratori sanno sfruttare bene anche il post basso (post up). Abbiamo lavorato per essere pronti a disinnescare i loro punti di forza.

Come vedi la tua squadra mentalmente, tecnicamente e fisicamente?

Fisicamente ed atleticamente stiamo bene, abbiamo lavorato nel modo giusto. Dal punto di vista tecnico ritengo che siamo abbastanza pronti ad avere una nostra precisa identità di squadra poi però la differenza la farà il punto di vista mentale. Una partita fuori casa, sicuramente difficile contro una buona squadra, metterà inevitabilmente in primo piano il fattore mentale.

Il livello del campionato si alzato rispetto allo scorso anno?

E’ un campionato talmente equilibrato ed indecifrabile che può succedere veramente di tutto. Tolte le prime 5/6 posizioni l’equilibrio regna sovrano, la classifica sarà cortissima, basteranno quattro punti in più o in meno per trovarsi in paradiso o nelle zone a rschio e quindi guai a mollare la presa. La solidità mentale e la tenuta mentale saranno importantissime in un campionato come questo, dovremmo essere sempre concentrati.

Sei nato a Giulianova, di partite ovviamente ne hai viste tante. Detto questo, per te sarà un match particolare dal punto di vista personale?

Il basket per me è un lavoro e questi fattori non influiscono. Lavoro per il Teramo Basket, solo questo conta.

Fonte: Uff. stampa Teramo basket

Commenta
(Visited 33 times, 1 visits today)

About The Author