Vuelle Pesaro, Sacco: "Peccato per l'interruzione del campionato. Nelle ultime 10 potevamo vincere altre partite"

La stagione della Vuelle Pesaro è stata estremamente complicata. Una sola vittoria in 20 partite ed ovvio ultimo posto al momento dell’interruzione della stagione, a -12 dal terzetto Virtus Roma-Oriora Pistoia-Pall. Trieste. Come se non bastasse, a causa della pandemia e della crisi economica che ne consegue, la prospettiva realistica di ricollocazione in Serie A2.

Ciò detto, coach Giancarlo Sacco, raggiunto da Il Corriere Adriatico, si è detto dispiaciuto per l’interruzione del campionato poiché, a suo dire, la squadra si sarebbe giocata la permanenza in Serie A finché la matematica l’avrebbe concesso.

Mi è dispiaciuto tanto chiudere anzitempo la stagione. Mancavano dieci partite e, nonostante la fuga di qualche giocatore verso altri lidi, arrivava finalmente la parte di calendario nella quale avremmo potuto dire la nostra, vincere qualche partita e dare un po’ di soddisfazioni ai nostri tifosi“, spiega Sacco.

Il rimpianto maggiore riguarda il lavoro interrotto” – aggiunge – “Vero, la nostra salvezza rappresentava un qualcosa ai confini della realtà; ma la matematica ancora non ci condannava e a me piace battermi fino alla fine. In più, la parte conclusiva della stagione sarebbe servita alla società per programmare e valutare i giocatori sotto contratto“.

Commenta
(Visited 129 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.