Piombino fa tremare Forlì

Un grandissimo Piombino tutta grinta e volontà, trascinato da un tifo da categoria superiore, in un palazzetto da quasi tutto esaurito, tiene Forlì sotto per tre quarti, rimonta l’allungo di Forlì che arriva a più 8 a sei minuti dal termine del quarto finale e spreca nei secondi conclusivi due occasioni per mettere dentro il canestro della vittoria.
Piombino e Forlì se la giocano con le rispettive difese e se per Forlì questo non fa notizia, infatti la sua media punti subiti in trasferta era di 60 punti e la poneva al primo posto fra le squadre del girone, per i ragazzi di casa è stata invece una prestazione superlativa, concedono solo 60 punti ad un attacco che ne segnava 78 di media fuori casa e 83.3 nel totale.
Le molte energie spese in difesa fanno perdere lucidità ai gialloblù in attacco, dove trovano la via del canestro solo un superlativo Venucci che ne fa 25 (63% da due e 42% da tre), Iardella che stuzzicato dalla stampa forlivese, ne fa 12 e Totò Genovese che ne mette 11 con un 3 su 7 dalla distanza, per Forlì determinanti nelle fasi decisive il lungo Rotondo, dominante sotto canestro, che nel match mette a referto 15 punti e Rombaldoni a cui coach Garelli affida la squadra nel finale, suoi i canestri dell’allungo ospite.
La partita corre a lungo sul filo dell’equilibrio, con Piombino che non riesce mai ad affondare oltre il più 7, ma, come detto, detiene per quasi tre quarti l’inerzia della gara nelle sue mani, il primo sorpasso di Forlì arriva solo a fine terzo quarto.
Nei secondi finali, dopo i due liberi di Ferri che portano gli ospiti sul più uno, con 26 secondi ancora da giocare e possesso Piombino, dopo il time out chiamato da coach Padovano, prima Genovese sbaglia da due , Gigena cattura il rimbalzo offensivo e subisce fallo, ancora time out gialloblu, con 9 secondi e 6 decimi sul cronometro, rimessa di Iardella che pesca totalmente libero Venucci sulla linea del tiro da tre e il miglior giocatore in campo non trova la via de l canestro, non è finita qui, il generosissimo Mattia va a prendersi il rimbalzo, prova a penetrare e si va ad infrangere su Pignatti, che poi intercetta anche il suo tentativo di scarico, finisce qui una partita dove un solo vincitore è veramente troppo poco.
Finisce con il meraviglioso pubblico locale in piedi sugli spalti, che prosegue ad incitare i propri beniamini come se la partita non fosse ancora finita e con i giocatori di Forlì che esultano per aver vinto una gara soffertissima e per aver battuto una grande avversaria.
I tabellini:
Piombino:Guerrieri 3, Persico 4, Venucci 25, Bianchi, Genovese 11, Pedroni, Iardella 12, Franceschini 2, Gigena 2, Mari ne
Forlì: Rotondo 15, Vico 8, Ferri 10, Pederzini 2, Pignatti 7, Rombaldoni 10, Iattoni ne, Arrigoni 8, Bonacini ne, Blandolino ne

Stefanini Stefano

Commenta
(Visited 4 times, 1 visits today)

About The Author