Pol. Alfa Catania-Aretusa Siracusa 92-81, vittoria e play-off per l'Alfa

POLISPORTIVA ALFA CATANIA 92

ARETUSA SIRACUSA 81

Alfa: Ferraro 15, Gottini 17, Byrd 35, Commissaris 17, Patanè ne, Pennisi 2, Famà, Signorello ne, Ferrara, Arena 2, Verzì 4, Abramo. Allenatore: Bianca.

Aretusa: Ditrapano 13, Bonaiuto 8, Bellofiore 12, Tolliver 20, Agosta 28, C. Carbone, A. Carbone, Rosal Kyle, Naso, Boscarino. Allenatore: Marletta.

Arbitri: Giunta e Massari di Ragusa.

Parziali: 32-17, 47-40, 63-65.

I sogni diventano realtà. Proprio come lo striscione appeso dai tifosi “alfisti” sulla tribuna del “Leonardo” al suono della sirena. I play-off sono una certezza per la neopromossa Polisportiva Alfa, che ha piegato sul campo di casa la vicecapolista Aretusa Siracusa con il punteggio finale di 92-81. Un altro “capolavoro” a tinte rossazzurre. A fine incontro via alla festa. Spontanea e voluta. Un abbraccio collettivo tra il pubblico e l’intera squadra al centro del campo del Leonardo Da Vinci. Fiumi di spumante, lacrime di gioia e i giocatori che hanno sollevato in trionfo il direttore generale Carmelo Carbone. Una grande festa quella del popolo “alfista”.

Un tributo alla società del presidente Nico Torrisi, che in pochi anni partendo dalla Promozione è arrivata fino ai play-off di serie C Silver. Un traguardo storico, dunque, per la Polisportiva Alfa, che cercherà ovviamente di ben figurare anche negli spareggi. La partita contro la forte Aretusa Siracusa è stata ben preparata dal coach Andrea Bianca. Lui, siracusano di origine, ha indovinato tutte le mosse. I padroni di casa sono entrati in campo determinati ed agguerriti. Subito un break di 11-1. Primo parziale chiuso sul 32-17 per i locali. L’Aretusa di coach Paolo Marletta si è svegliata e nel secondo periodo il match è stato più equilibrato. All’intervallo lungo la Polisportiva Alfa è davanti per 47-40.

Agosta e Tolliver hanno trascinato gli ospiti, che alla fine del terzo quarto di gioco hanno messo la testa avanti per 65-63. Agosta e Tolliver hanno spaventato i tifosi catanesi con le loro penetrazioni sotto canestro, ma l’Alfa ci ha messo il cuore e soprattutto lo spirito di gruppo. Byrd è letale da ogni angolo del campo. Gottini non sbaglia un colpo. Commissaris è un leone sotto le plance. Ferraro è implacabile. Tutti danno il loro contributo da Pennisi a Verzì passando per Arena, Ferrara, Famà e Abramo. Gli “alfisti” mettono la freccia. L’asse Gottini-Commissaris regala spettacolo. Il primo inventa, il secondo schiaccia a meraviglia. Il pubblico si esalta. La Polisportiva Alfa vola nei play-off. Una giornata da ricordare. Nell’intervallo della partita, infatti, sono stati premiati i ragazzi dell’Under 13, che hanno vinto la finalissima del Join the Game.

E proprio a loro è andato il primo pensiero del presidente dell’Alfa, Nico Torrisi: “Complimenti a tutti i giovanissimi atleti che hanno partecipato alla due giorni di festa del basket del Join the game 2017. Grande soddisfazione per l’Alfa che ha vinto la finalissima nella categoria Under 13 contro un’ottima Invictus Palagonia e avuto ottime risposte da tutti i propri giocatori impegnati nelle due giornate. Grazie a Carmelo Carbone e al coach Davide Di Masi per quanto fanno con amore, impegno e serietà ogni giorno da anni al servizio di un progetto, che vede al primo posto la crescita dei giovani. Siamo felici anche per i play-off e ringrazio tutti. Dallo staff tecnico ai giocatori, ai dirigenti. In particolare Carmelo Carbone, che è il padre della Polisportiva Alfa”.

Comunicato a cura di Ufficio Stampa Polisportiva Alfa Catania

Commenta
(Visited 42 times, 1 visits today)

About The Author