Primo quarto choc a Forlì per l'Auxilium Cus

La capolista Forlì e l’Auxilium CUS sono due squadre dello stesso campionato. E tali rimarranno fino ai verdetti finali della prossima primavera (e non è detto anche dopo). Che poi in questo momento appartengano a due galassie lontane anni luce tra di loro non era certo la gara di ritorno del PalaFiera a doverlo confermare.
L’UniEuro, forse intimidita dalle difficoltà incontrate nella gara di andata alla Panetti e forse pure dalla valida prestazione di Torino nel match di scorso sabato con il Livorno, parte a tavoletta, estromette dalla partita Maino e spazza via qualunque velleità avversaria: il 34-2 dei primi 10 minuti è figlio di un atteggiamento ferocemente impeccabile dei padroni di casa, che non lasciano spiragli di offesa agli ospiti (nel frangente Torino fa 1/16 al tiro) e dall’altra parte colpiscono senza pietà, giocando dentro appena possono - 20 punti arrivano proprio nel colorato cussino - con una precisione quasi ineguagliabile (15 su 20 lo score). 
La gara dei gialloblu dura neanche un battito di ciglia: 9-0 in un minuto e mezzo.
Al 4’ il tabellone dice 11-2, con il primo canestro della giornata dei gialloblu segnato da Crespi su assist di Panzieri, che poi cade insieme a Pignatti, s’infortuna ad un ginocchio ed è costretto a lasciare il campo (per non farvi più ritorno), impoverendo ancor più le già scarse soluzioni torinesi vicino alle tabelle.
Per arginare lo scatto a razzo degli avversari Arioli ridisegna l’assetto dei cinque e pure della difesa, per un paio di minuti il Forlì sembra prendere le misure, poi ritrova la via del canestro e con Pignatti segna il 14-2. L’ennesima persa cussina, seguita da fallo per fermare il contropiede romagnolo, costringe Torino al time-out: al ritorno in campo Pignatti fa 1 su 2 e i padroni i casa sono sul +13. Margine ritoccato da Pederzini dopo un errore in attacco di Murgia: 17-2 con 4 minuti e mezzo da giocare nel primo periodo.
I romagnoli, sul parquet con 3 lunghi contro una formazione in pratica di 5 ‘piccoli’, sono un muro invalicabile: l’Auxilium CUS ci sbatte a ripetizioni e al 7’ la partita è già virtualmente chiusa dopo le realizzazioni di Pignatti Rotondo e Pederzini: 28-2. 
Il vantaggio interno cresce fino al 34-2 del 9’ (il break è di 25-0).
Torino esce con orgoglio dalla mini-pausa e con tre di Chiotti, un canestro di Russano, un’altra bomba, di Maino, un jump di Orsini mette insieme un parziale di 2-13 che la porta sul 37-15 al 13’.
La capolista tira un po’ il fiato e l’Auxilium CUS, sempre e comunque costretta a girare al largo e attorno al fortino biancorosso, lima fino al 44-23 dopo un’atra conclusione da oltre l’arco di Maino. Ma i locali non concedono spazio: al 19’ le lunghezze di vantaggio dei forlivesi sono di nuovo 32, come in chiusura di primo quarto: 57-25.
Verso la metà del  terzo periodo un paio di tiri da lontano e una coppia di liberi di Di Matteo riportano i cussini intorno alla ventina: 65-40. Ancora nessuna concessione forlivese però, Pederzini fa +33 al 28’. 
Nella frazione finale i padroni di casa vanno oltre, scollinando i 40 punti con tre del ’99 Zoboli a uno dal termine.

UNIEURO FORLÌ-AUXILIUM CUS TORINO 108-64 
Parziali: 34-2, 59-28, 77-45
FORLÌ: Ferri 7, Vico 13, Pederzini 19, Pignatti 18, Rotondo 4; Bonacini 15, Zoboli 5, Rombaldoni, Iattoni 11, Arrigoni 16. All. Garelli.
TORINO: Maino 11, Chiotti 8, Dello Iacovo 9, Panzieri, Crespi 2; Russano 2, Blotto 3, Di Matteo 19, Orsini 10, Murgia. All. Arioli.


 
Beppe Naimo
Commenta
(Visited 1 times, 1 visits today)

About The Author