Qui PB63Lady: a parlare sono gli allenatori. 'Puntiamo a far bene in serie A e con le giovanili!'

Con la pausa della nazionale abbiamo sentito i due coach della Pb63 Lady, il coach Massimo Riga e l’assistant coach, Rossano Grillone.

Tanti i temi caldi sviscerati nelle parole dei due esperti allenatori: dalle giovanili con la fase Interzonale e le Finali Nazionali Under 20 di fine Marzo, alle due gare casalinghe per la formazione di A1 contro San Martino di Lupari e Vigarano, alla nazionale femminile di coach Capobianco impegnata nelle Qualificazioni per l’Europeo 2017 che si giocherà in Repubblica Ceca.

Iniziamo con il coach Riga.

Coach Riga, Battipaglia come sta? C’è una velleità di fare più del risultato dell’anno scorso, si può fare, quali sono le prospettive future visto le prossime due gare casalinghe.

‘Siamo in una fase calda del campionato, abbiamo l’opportunità con due punti di tirarci su dalle secche della cosiddetta bassa classifica ed evitare problemi per quanto concerne la retrocessione.

Ci stiamo allenando bene, visto le sole ‘assenze’ per le rispettive Nazionali di Treffers e Tagliamento, stiamo effettivamente mettendo apposto delle cose per poter arrivare preparati ad un periodo che ci vedrà impegnati su più fronti, dalla serie A1 alle giovanili con l’Interzona e si spera le finali nazionali.

Il calendario di A1 ci dice che abbiamo due gare casalinghe contro San Martino di Lupari e Vigarano e poi la trasferta di Cagliari. Sei punti sarebbero una manna dal cielo, ma ci sono sempre le altre avversarie non dimentichiamolo mai. I posti per i playoff sono 12 quest’anno, migliorare la posizione dell’anno scorso è qualcosa che diventa obbligatorio visto l’impegno profuso da società, staff e dalle ragazze!’

L’inserimento di Boyd è stato proficuo nell’ingranaggio della sua squadra. L’apporto della straniera è come se l’aspettava?

‘Era l’unica giocatrice in attività che c’era al momento dell’arrivo a Battipaglia. E’ una delle nostre straniere e quindi da lei mi aspetto sempre molto. Per squadre del nostro livello in serie A1, la straniera diventa fondamentale e se le straniere fanno virgola come nel caso nostro nella débâcle di Sesto San Giovanni, diventa durissima.

Purtroppo è oggettivamente una giocatrice altalenante, ma ci stiamo lavorando!’

Tagliamento con la nazionale maggiore di coach Capobianco, cosa ne pensa delle azzurre e delle qualificazioni a Euro 2017?

‘Che dire, riacciuffare una partita praticamente persa contro il Montenegro è un qualcosa che evidenzia, qualora ce ne fosse bisogno, che la squadra c’è e che le senatrici fanno bene alla nostra nazionale, tipo Ress, Macchi, Nadalin o Cinili. Credo che questa squadra possa far bene e arrivare all’Europeo con un buon bagaglio alle spalle.

Discorso Tagliamento è facile commentarlo; se lavori, arrivi! Tagliamento è una ’96 che lavora sodo e che si è meritata sul campo tutto quello che ha avuto, tutti i suoi riconoscimenti.

La nostra squadra di A1 è strutturata da 7/12 da Under20 quindi è importante che il movimento faccia passi in avanti e che cresca di pari passo alla maturazione tecnica di giocatrici sì giovani ma che acquisiscano maturità tramite la massima serie o la presenza in nazionale maggiore!’

Adesso è il turno dell’assistant coach, Rossano Grillone

Coach Grillone, un ritorno in panchina, come sono andati questi primi 6 mesi come assistant coach dell’A1 e responsabile del settore giovanile della Treofan Lady?

‘Non posso dire che bene, Massimo Riga è un coach preparato e serio ed è una persona splendida. Si lavora a Battipaglia con un gran numero di giocatrici di buon livello e anche giovani. Non potevo chiedere di più!’

Che giovani ha visto in casa Battipaglia? Il movimento parte dalla cittadine della Piana del Sele?
‘Battipaglia è all’avanguardia nel Sud e in Italia per quanto concerne il movimento giovanile. Basti pensare al corteggiamento che aveva Trucco; è stato per noi importante portarla a Battipaglia, punto, comprovato direi, di riferimento del movimento giovanile femminile italiano!’

Per quanto concerne l’Under 20, si punta al titolo italiano a visti gli arrivi di Landi e Trucco??

‘Concetto lapalissiano è dire poco. Se l’anno scorso perdemmo in finale con l’Under 19, ovvio che l’obiettivo è vincere ed arrivare sul gradino più alto del podio. Nascondersi non serve a niente. Le insidie ci sono e sono da ricercare, secondo me, non tanto nella Final Four di Bologna, quanto nella fase Interzonale, dove le partite secche sono da gestire bene e con tanta esperienza.

Tutta ‘questa esperienza’ in più che noi chiediamo alle nostre giovani della Treofan Lady è da ricercare nella loro presenza in palcoscenici di livello, come la serie A1 italiana accanto alla caratura delle straniere!’

 

C.C.

Commenta
(Visited 8 times, 1 visits today)

About The Author