Ravenna sbanca Udine nell'esordio stagionale 70-61

AP Udine – OraSì Ravenna 61-70 (16-21, 27-39, 48-48)

Udine: Diop ne, Castelli 8, Okoye 12, Zacchetti 4, Truccolo 4, Nobile 2, Cuccarolo 11, Traini 6, Pinton 8, Ferrari 4, Vanuzzo 2, Chiti ne. All. Lardo.

Ravenna: Smith 14, Sgorbati, Chiumenti 11, Marks 23, Raschi 5, Masciadri 6, Tambone, Crusca, Seck ne, Sabatini 11. All. Martino.

I giallorossi portano a casa due punti importanti al termine di una partita difficile, nella quale, dopo un ottimo secondo quarto, hanno subito la fisicità e la pressione a tutto campo di Udine. È Derrick Marks il mattatore del match con 23 punti di cui 15 nel secondo tempo, anche se nel corso della partita molti sono stati i protagonisti per l’OraSì. Ottima prova anche per Sabatini, con 11 punti e 4 palle rubate, di cui 3 nel quarto periodo, e per la coppia di lunghi Smith (14 punti e 5 rimbalzi) e Chiumenti (11+9), decisivi nel parziale del secondo quarto. Per Udine doppia cifra per Okoye (12+7), che guida la rimonta nel terzo quarto, e per un Cuccarolo da doppia doppia (11+13).

Partono tesissimi i ragazzi di Coach Antimo Martino che dopo 3’ sono ancora a quota zero (8-0 il punteggio), ma si sbloccano grazie a due triple di Masciadri. Qualche azione a zona regala maggiore solidità difensiva e anche l’attacco ne risente positivamente regalando ai giallorossi un contro-parziale di 4-18 che vale il +7 (14-21). Un lay-up di Traini fissa il 16-21 sul tabellone del primo quarto e il secondo parziale riparte all’insegna della pressione difensiva dei padroni di casa che recuperano un paio di palloni e la parità a quota 21 grazie alla tripla di Pinton. Il pari scuote l’OraSì che sale di tono su entrambi i lati del campo e firma un parziale di 4-16 grazie soprattutto alla supremazia sotto i tabelloni di Smith e Chiumenti (8 rimbalzi, 7 nel quarto), che con 10 punti a testa sono i top scorers all’intervallo lungo. La tripla di Marks vale il massimo vantaggio (+12) sul 25-37 che diventa il 27-39 con cui le squadre tornano negli spogliatoi.

In apertura di secondo tempo Udine alza nuovamente il livello fisico della partita e, grazie a Okoye (8 punti nel quarto), mette a segno un gran parziale di 12-2 che vale il -1 sul 39-40 del 5’. Ravenna prova a reagire, ma Cuccarolo prima impatta la partita a quota 44 segnando a rimbalzo d’attacco, poi con un libero firma il sorpasso 45-44. La partita diventa una battaglia punto a punto e Marks con un gioco da tre punti segna il 45-48, ma la tripla di Castelli fissa sul tabellone il 48 pari dell’ultimo intervallo. Il quarto quarto si apre nel segno di Sabatini che firma tre rubate che valgono altrettanti canestri in contropiede, oltre a un fallo antisportivo guadagnato. Nell’azione conseguente Smith segna il 52-61 a 5’ dal termine, ma Udine non molla grazie alla presenza sotto i tabelloni di Cuccarolo. La bomba dal palleggio di Marks vale il +10 sul 54-64, ma è pronta la risposta di Truccolo, sempre da tre punti. Udine entra nell’ultimo minuto di gioco sul -5 in una partita in cui le difese la fanno ormai da padrone, ma il canestro a rimbalzo offensivo, ancora di Marks, riporta l’OraSì sul 59-66. Ravenna non sbaglia i liberi negli ultimi secondi e porta a casa il successo per 61-70.

Il commento di Coach Antimo Martino: “Siamo contenti per la vittoria, soprattutto perché è arrivata al termine di una partita dura dove, anche se non abbiamo offerto una grande prestazione durante tutto l’arco dell’incontro, abbiamo avuto la forza e la voglia di portare a casa i due punti. Temevo l’aggressività e la fisicità di Udine e infatti, tutte le volte che non siamo stati capaci di contrapporci con la stessa energia, abbiamo fatto fatica su entrambi i lati del campo. Tuttavia bisogna riconoscere ai miei ragazzi di aver dimostrato voglia e determinazione in una partita che soprattutto dal punto di vista emotivo poteva nascondere delle insidie. Non l’ho fatto nel pre-partita perché non volevo condizionare i miei ragazzi, ma voglio ringraziare il mio staff tecnico e soprattutto quello medico perché nell’ultima settimana siamo stati costretti a gestire diversi infortuni che hanno condizionato la preparazione della partita. Un grazie quindi al Dott. Cirilli e al Centro Medico Sanitario Ravenna 33 per avermi messo a disposizione l’intero roster. Adesso abbiamo un giorno per recuperare le nostre energie e da martedì cominceremo già a preparare l’esordio casalingo contro Forlì.”

Commenta
(Visited 17 times, 1 visits today)

About The Author