"Re del Campino", al via l'ottava edizione

Ci siamo. Da giovedì 16, per tre serate, tutta la toscana “a spicchi” non parlerà d’altro, sui social spopolerà l’hashtag #‎redelcampino‬ e l’occhio della pallacanestro sarà puntato sull’Arena dei Re.

Inizia l’ottava edizione di uno dei Tornei 3 contro 3 più spettacolari d’Italia: il Re del Campino. Una certezza. Anzi, La certezza nel panorama dello streetball. San Vincenzo sarà l’ombelico del mondo: una piccola cittadina votata al basket che diventerà grande, ospitando la crema della pallacanestro.

Come sempre i giocatori sono arrivati da tutta Italia, da tutte le serie, fino alla A gold e silver. 80 professionisti non hanno esitato un attimo prima di raccogliere la chiamata del Re: pronti alla battaglia, combatteranno 3 notti per il titolo, che significa onore e gloria, che significa Re del Campino.

Il programma non lascia spazio all’interpretazione: giovedì e venerdì, dietro la palestra Rodari a San Vincenzo, dalle 20.00 alle 24.00, si terranno le fasi eliminatorie. Sabato 18 luglio, dalle 19.00, le fasi finali. Attorno alle 23.00 ci sarà l’incoronazione e sapremo i nomi dei vincitori dell’ottava edizione.

Prima, attorno alle 21.30, show sopra i 3.05 con i Dunk Italy, una crew di schiacciatori tra le più affermate d’Europa. A seguire, prima della gran finale, finalissima del Re del Campino Junior.

La sera del venerdì, invece, è prevista la gara delle schiacciate tra i partecipanti, con giurati d’eccezione: anche qui, lo spettacolo non si farà desiderare.

Le novità dell’edizione 2015 sono molte e riguardano un po’ tutti gli aspetti dell’organizzazione.

La location, l’Arena dei Re, sarà ridisegnata: doppia tribuna a circondare il campo, nuovi striscioni e asfalto ridipinto. Quello che già da molti era considerato il più bel campo d’Italia, lascerà letteralmente esterrefatti. In più, la grande novità: la Re del Campino “hall of fame”, in stile Hollyhood, dipinta direttamente sul campo con i nomi dei vincitori delle passate edizioni.

Il timing è stato lievemente modificato, per garantire lo svolgimento della finale, la sera del sabato, prima di mezzanotte. Questo, sia per ragioni organizzative, sia perché, dopo l’incoronazione e i fuochi d’artificio, la festa continuerà a Zanzibar, sul Porto di San Vincenzo.

Il livello dei giocatori è rimasto immutato dall’anno scorso: anche l’ottava edizione vedrà fronteggiarsi il meglio della pallacanestro toscana e non solo. Anche se, all’Arena, non sempre vincono i team più blasonati, come dimostra la storia di questo Torneo.

Le novità più importanti riguarderanno però le sorprese per il pubblico. E queste sì, restano celate, almeno fino alla serata di sabato 18.

Per questa sua ottava edizione, dunque, gli organizzatori Andrea Innocenti, Andrea Donsignore, Andrea Caporali, Luca Giovannini e Marco Vangelisti promettono una tre giorni spaziale (come si evince dalla veste grafica scelta per raccontare l’edizione 2015), la più bella e stupefacente di sempre.

Nel giro di una settimana le iscrizioni sono andate bruciate. “Abbiamo avuto un problema con una squadra a pochi giorni dall’inizio del Torneo – dichiara Andrea Innocenti. Abbiamo condiviso la cosa sui social, chiedendo se ci fosse qualcuno che volesse subentrare. Nel giro di poche decine di minuti avevamo già 5 richieste da 5 squadre. Queste sono le cose che ci fanno capire quanto di buono stiamo facendo. In questi giorni San Vincenzo è in fermento, si respira pallacanestro. Sentiamo l’affetto di tutti, anche di chi non partecipa, anche di chi non ci conosce direttamente ma ci scopre da un post su facebook, grazie al passaparola, grazie a uno scatto intravisto in rete. Forse neanche noi ci rendiamo bene conto di cosa abbiamo creato, partendo quasi da un gioco. Non è un solo un Torneo, non è solo basket. È molto di più: è amicizia, è comunità, è sport genuino, è sudore e competizione. In una parola, è il RE DEL CAMPINO”.

Non resta che seguire il Re del Campino sul sito rinnovatowww.redelcampino.com e sui social media, aggiornati più che quotidianamente, aspettando le 20.00 di giovedì 16. L’appuntamento per tutti è fissato all’Arena: che una nuova leggenda abbia inizio.

Commenta
(Visited 6 times, 1 visits today)

About The Author