Rekico Faenza, Casadei: "Pronti per la difficile trasferta di Orzinuovi"

La Rekico si prepara a fare visita alla capolista Agribertocchi Orzinuovi (palla a due domenica 29 gennaio ore 18, Palazzetto dello Sport via Lonato Orzinuovi) senza nessuna paura, forte della indimenticabile vittoria dello scorso 16 ottobre, la prima di una lunga serie di incredibili rimonte. Faenza si presenterà galvanizzata dalle due vittorie consecutive con Reggio Emilia e Sestu, che hanno regalato il quinto posto solitario.

L’AVVERSARIO L’Agribertocchi Orzinuovi comanda la classifica del girone B con 30 punti, frutto di un ruolino di marcia da record. I lombardi non perdono dallo scorso 19 novembre in casa di Piacenza e in stagione sono caduti soltanto due volte: contro gli emiliani e al PalaCattani con la Rekico, match terminato 63-60. Orzinuovi ha un roster con dieci giocatori di ottimo livello, costruito per la promozione in serie A2, obiettivo sfuggito nelle ultime stagioni. La cabina di regia è occupata dall’esperto Carlo Cantone e dal giovane Mohamed Tourè e anche nei ruoli di guardia e di ala non manca la qualità con Marco Bona, miglior realizzatore dei lombardi con 12.7 punti di media (visto nella Pallacanestro Faenza in serie B2 nel 2008/09), Antonio Ruggiero, 12.7 punti di media e autore due settimane contro Milano di 21 punti con soli 8 tiri (3/3 da due e 5/5 da tre), Andrea Scanzi, assente all’andata per infortunio, e Antonio Lorenzetti. Sotto canestro tanti muscoli e centimetri con Giorgio Piunti, Rodolfo Valenti e Davide Zambon. La squadra di coach Alessandro Crotti giocherà anche la Final Eight di Coppa Italia affrontando nei quarti Bisceglie.

IL PREPARTITA «Le vittorie con Reggio Emilia e Sestu sono state un segnale importante della forza del nostro gruppo – spiega il pivot Daniele Casadei -, perché eravamo arrivati ad una fase delicata della stagione e dovevamo reagire. Vincere quelle due partite ci ha fatto rialzare la testa e ora siamo pronti per affrontare la difficilissima trasferta in casa della capolista Orzinuovi, una squadra che ha qualità e talento in ogni reparto. Sono davvero tanti i suoi giocatori di livello ed è difficile parlare di uno in particolare. Penso ad esempio agli esterni Scanzi, Cantone, Bona e Ruggiero o ai lunghi Valenti e Piunti, atleti che hanno giocato anche in categoria superiore. Noi però vogliamo ancora una volta stupire e proveremo a giocarcela fino in fondo, ripetendo magari la prestazione dell’andata. La classifica positiva? Mentirei se dicessi che non la guardo. Sono orgoglioso del quinto posto e di quanto abbiamo fatto fino ad ora, ma non possiamo perdere la concentrazione, perché in questo girone ogni calo di tensione si paga a caro prezzo, come abbiamo provato sulla nostra pelle».

Commenta
(Visited 47 times, 1 visits today)

About The Author