Rekico Faenza, Donadoni: "Contro Desio per rialzare la testa"

La Rekico torna a giocare davanti al proprio pubblico con l’obiettivo di ritrovare la vittoria e di mantenere imbattuto il PalaCattani. L’avversaria che domenica alle 18 sarà ospite dei faentini sarà la Pallacanestro Aurora Desio, ancora ferma a zero ma con soltanto tre partite disputate, dovendo ancora recuperare quella con Sestu in programma mercoledì 9 novembre. Sarà un match ricco di insidie, dove il tifo caldo del PalaCattani dovrà essere ancora una volta l’arma in più dei faentini.

Desio è da sempre una piazza storica della pallacanestro italiana e proprio la Pallacanestro Aurora Desio 94 ha preso il testimone dell’Aurora Desio che ha militato anche in A1 prima di ritirarsi dalle scene nel 1994. La nuova realtà è arrivata in serie B nel 2013, riuscendo poi ad essere protagonista anche in questa realtà. Il roster di coach Davide Villa annovera giovani di qualità e atleti d’esperienza, potendo contare su un quintetto di ottimo livello con Andrea Negri, guardia/ala da 16.3 punti a partita e con il 59% da tre, il centro Filippo Politi, il playmaker Luca Valentini, talentuoso 19enne di scuola Casale Monferrato, Andrea Mazzoleni, guardia cresciuta nell’ottimo vivaio di Desio, e il lungo Damiano Verri, arrivato in estate da Mestre in C Gold. Dalla panchina sono pronti ad entrare il play Roberto Buzzini, la guardia Simone Casati, e i centri Giovanni Poggi e Luca Albique, altro prodotto del vivaio Aurora. Dovrebbe essere ancora indisponibile Marco Torgano, arrivato in estate dall’Urania Milano (serie B) e fiore all’occhiello del mercato, mai sceso in campo da inizio stagione per una frattura da stress alla tibia.

«Purtroppo a Padova non siamo riusciti a dare continuità alla stupenda vittoria contro Orzinuovi – spiega la guardia Alessio Donadoni -. Dopo un buon inizio abbiamo sofferto la fisicità dei nostri avversari non riuscendo a contrastarli soprattutto sotto canestro. Ora però vogliamo rialzare la testa e vincere contro l’Aurora Desio per continuare il nostro cammino casalingo da imbattuti e sono convinto che il grande pubblico del PalaCattani sarò ancora una volta la nostra forza. Con Desio dovremo mantenere altissima la concentrazione, perché è una buona squadra e se non ha ancora vinto e soltanto per colpa degli infortuni con cui ha convissuto in queste prime giornate. Ho giocato due stagioni nelle giovanili di Desio (con l’Under 15 è arrivato ai quarti nelle finali nazionali e con l’Under 17 è uscito all’interzona) e conosco bene la mentalità del club che è quella di non mollare mai. Domenica sarà dunque una gara dura, anche perché affronteremo una squadra molto fisica ed esperta. Dovremo giocare una grande partita».

Commenta
(Visited 45 times, 1 visits today)

About The Author