Reyer Venezia, De Raffaele: "Vittoria importante, dedicata ai nostri tifosi"

La Reyer Venezia, nella serata di ieri, ha colto una fondamentale vittoria in Basketball Champions League, riuscendo ad espugnare al termine di un match combattutissimo il parquet dell’Iberostar Tenerife, leader del Gruppo B. Una vittoria (88-90) che consente ai Lagunari di portarsi ad 8 vinte e 3 perse, contro le 9 vinte e 2 perse degli iberici.

Così coach De Raffaele nel post partita: “E’ stata una vittoria importante, ottenuta su un campo molto difficile e contro una squadra che sappiamo essere davvero forte, sia fisicamente che tecnicamente. Forse una delle migliori di tutto il torneo” – ha commentato De Raffaele – “Una partita vinta a mio parere meritatamente; una partita condotta di squadra, giocando in maniera molto coesa ed unita“.

Avevo chiesto proprio questo alla mia squadra, come reazione alle ultime partite. E i ragazzi hanno risposto molto bene, da gruppo, mostrando molta disponibilità al sacrificio e al passarsi la palla. Un aspetto che considero molto importante, soprattutto nel momento in cui siamo andati sotto nel punteggio“, continua l’head coach della Reyer.

Chiaramente Tenerife ha recuperato ed è rientrata, ma noi siamo stati bravi nell’eseguire le cose che avevamo chiesto, con molta disciplina” – conclude De Raffaele – “E’ una vittoria che ci fa capire quanto, stando insieme, possiamo fare dei passi avanti. Dobbiamo continuare a seguire questo percorso, e questa è una vittoria per i miei giocatori ed il mio staff. E soprattutto per la ventina di tifosi che ci hanno seguito fin qua. Si sono sobbarcati un viaggio non da poco, ed è una vittoria dedicata anche a loro. Grazie di starci vicino, soprattutto quando le cose non sembrano andare così bene“.

Commenta
(Visited 28 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.