Romano presenta il big match con Castelfiorentino: "Gli scontri diretti diranno chi siamo"

Dopo tre vittorie consecutive la Endiasfalti Agliana torna al Capitini per affrontare Castelfiorentino (domenica alle 18), una classica dell’alta C Gold – tutti ricorderete i playoff della passata stagione – che arrivati quasi in fondo al girone d’andata mette in palio il momentaneo terzo posto. La classifica dice che i gialloblù inseguono le due capolista con 16 punti (18 invece per Chiusi e Siena) e che Agliana è quarta con 14.

«È giusto affrontare questo big match con la giusta tensione – esordisce Riccardo Romano – ma senza caricarlo troppo. Castello arriva ad Agliana in grande fiducia dopo aver battuto la prima della classe, è una squadra forte, esperta, abituata a stare in alto. Dovremo fare grande attenzione e non sbagliare niente. Ripartendo dall’atteggiamento della gara con Chiusi, dove abbiamo messo la giusta intensità e aggressività. Sono bravi a “provocare” quindi anche sul piano nervoso servirà rimanere sul pezzo. Purtroppo, in questo momento non siamo al meglio della condizione fisica, ci sono acciaccati e altre assenze che non permettono di allenarci al completo».
Per la Endiasfalti è arrivato il momento di dimostrare tutto il proprio valore e il ciclo di quattro scontri diretti che sta per iniziare è l’occasione migliore. Castelfiorentino e Pielle Livorno in casa; il derby con Prato e poi Siena in trasferta (ad anno nuovo). Una chiusura del girone d’andata coi botti. «In queste battaglie ci misureremo la febbre – ammette Romano – sono squadre del nostro livello che dobbiamo battere per raggiungere la parte alta della griglia playoff. Ho vinto campionati partendo dal settimo posto: voglio dire che non sono partite decisive, però ci daranno delle indicazioni importanti. E poi noi dobbiamo sempre partire per vincere».
«Guardando la classifica due punti in più potevamo averli – prosegue – poco male, perché ogni campo ha le sue insidie. In squadra c’è armonia, ho trovato ragazzi super. Personalmente potrei dare di più, ma serve tempo per entrare al 100% nei meccanismi e ai compagni per trovarmi al momento giusto. L’importante, comunque, è il risultato di squadra, non chi segna. Sarebbe bello segnare sempre tantissimo, ma in squadra ci sono diversi giocatori con punti nelle mani e in campo avversari che ogni settimana decidono di difendere in modo diverso».
I margini di miglioramento comunque sono ampi. «Sicuramente l’approccio alle partite deve migliorare, anche perché con certi avversari poi non la rimetti in piedi. Dobbiamo riuscire a coinvolgere tutti nelle azioni e a correre di più in contropiede, ma in questo momento non è facile perché non siamo al completo. La fase difensiva è il nostro punto di forza e dobbiamo sempre partire da questo, soprattutto quando in attacco giriamo un po’ peggio».
Fonte: Ufficio Stampa Pallacanestro Agliana 2000
Commenta
(Visited 24 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.