Roseto Sharks al tappeto nella prima gara del 2016

TRIESTE-ROSETO 103-71

Trieste: Parks 27, Bossi 1, Coronica 6, De Marchi 2, Ferraro, Pecile 8, Baldasso 8, Landi 20, Prandin 9, Pipitone 1, Canavesi 2, Zahariev 19 All: Dalmasson

Roseto: Allen 16, Borra 5, Ferraro 7, Papa, Marini 2, Mariani, Trevisan, Bryan 4, Marulli 9, Moreno 2, Weaver 24  All: Trullo

Arbitri: Borgo, Migotto, Del Greco

Note: Parziali: 26-17, 48-35, 74-54. Trieste: 38/75 dal campo, 28/52 da 2, 10/23 da 3, 17/24 ai liberi, 43 rimbalzi (16 offensivi), 21 assist, 12 palle perse, 12 palle recuperate. Roseto: 23/56 al tiro, 19/44 da 2, 4/12 da 3, 21/32 ai liberi, 36 rimbalzi (11 offensivi), 10 assist, 21 palle perse, 5 palle recuperate. Usciti per 5 falli: Moreno Luogo: Pala Rubini Turno di A2 Silver: 15° Spettatori: 2000

La Mec-Energy Roseto apre il suo 2016 con una dura sconfitta sul campo di Trieste, dove gli uomini di coach Trullo cadono con un imbarazzante 103-71. Peccato davvero, perché Verona ha perso a Jesi e con i 2 punti sarebbe arrivata la qualificazione alla FInal-Eight di Rimini. I padroni di casa hanno avuto sempre in mano il pallino del gioco, e hanno amministrato mirabilmente il vantaggio, approfittando delle alte percentuali al tiro che hanno permesso di raggiungere facilmente quota 100 punti. I ragazzi di coach Trullo non sono mai riusciti a riacciuffare la partita, e hanno dovuto abbandonare precocemente la speranza di qualificarsi per la Coppa Italia. Il mattatore del match è stato Jordan Parks, apparso incontenibile con i suoi 27 punti, ai quali si aggiungono 9 rimbalzi e ben 7 falli subiti, ben supportato dal pazzesco secondo tempo di Landi, che chiude con una doppia doppia da 20 punti e 13 rimbalzi. Per gli ospiti, miglior realizzatore Kyle Weaver con 24 punti, senza dubbio il più in palla dei suoi; tra gli altri, doppia cifra solo per Allen con 16 punti, con ben 8 falli subiti e impegno da lodare di Marulli e l’ex di turno Ferraro.

Alla palla a due, coach Dalmasson schiera Pecile e Prandin esterni, Zahariev ala piccola, Parks ala grande e Landi centro. Trullo schiera invece Marulli playmaker, Allen e Moreno nello spot di guardia, Weaver e Bryan a sgomitare sotto canestro. Trieste parte subito forte: Parks dalla media e Pecile dalla lunetta infilano subito il 6-0. Weaver sblocca gli Sharks a cronometro fermo, ma una bella giocata di Zahariev rimette le distanze: 8-2 dopo 2:30 di partita. Gli Sharks tornano sul -4 con 5 punti di Marulli (15-11), ma viene fischiato un fallo tecnico a coach Trullo: Pecile realizza il tiro libero e poi segna dalla media in faccia a Marini il 18-11 a 3 minuti dalla prima sirena. Si sblocca anche Allen per il 21-13, ma Parks appoggia da sotto il nuovo +10 e dopo un canestro di Weaver fa centro dall’arco per il 26-15. Un canestro in penetrazione di Allen chiude il primo quarto sul 26-17. Marini apre il secondo periodo con un 2/2 dalla lunetta, ma Canavesi fa centro da 2 per il 28-19. Allen mette la bomba del -6 e poi in penetrazione realizza il -4 sul 28-24. Parks ferma il parziale biancoazzurro, ma Ferraro schiaccia subito il nuovo -4: 30-26 a 7 minuti dall’intervallo. Marulli è cinico ai liberi, ma Coronica appoggia il 32-28. Allen in contropiede infila il 32-30, Prandin riporta i suoi a +4: 34-30 a 3:30 dalla pausa lunga. Trieste, da questo momento, allunga raggiungendo di nuovo la doppia cifra di vantaggio. Dapprima Pecile e Zahariev confezionano il +8 per il 38-30, poi si scatena Coronica che, supportato da “Sunshine” Pecile  e Zahariev, si scatena allungando fino al +12 (46-34). Allen, dalla sua, è l’unico che prova seriamente a mettere in difficoltà gli avversari, caricandoli di falli. Tuttavia, il gap non si riduce e a metà partita siamo sul 48-35.

Alla ripresa del gioco, Landi e Parks tornano a martellare fin da subito, aprendo un solco che porta gli uomini di Dalmasson sul +21 (60-39). Weaver ferma il parziale con 7 punti consecutivi per il 60-46 che rimette gli Sharks in gioco, ma Landi e Zahariev riportano i loro a +21 (69-48). E’ ancora l’ex NBA a sbloccare i suoi, ma Zahariev realizza ancora in penetrazione (71-50). Baldasso mette la tripla del +22 (74-52) che sembra chiudere con diversi minuti di anticipo i conti. Un difficile terzo periodo per i ragazzi di coach Trullo si chiude sul 74-54.  Zahariev e Ferraro aprono gli ultimi 10 minuti realizzando da 3. Weaver infila il -18, ma Zahariev fa ancora canestro da 3 per l’81-60. I padroni di casa allungano ancora fino al +26 (85-60), prima che Borra torni a muovere il punteggio biancoazzurro. Landi e Parks dilagano fino al +30 (91-61) in un Pala Rubini scrosciante di meritati applausi. Trieste arriva a quota 100 punti contro una Roseto troppo molle per conquistare i due punti. Gli ultimi minuti sono un calvario per i ragazzi di coach Trullo che vedono gli avversari dominare il gioco sempre più scatenati. Il match  ha la sua conclusione sul 103-71.

Archiviata questa sconfitta, i ragazzi di coach Trullo hanno subito la possibilità di rifarsi: tra 3 giorni, mercoledì 6 gennaio, scenderanno infatti in campo tra le mura del PalaVerde di Treviso.

 

Edoardo Testa

Commenta
(Visited 1 times, 1 visits today)

About The Author