Roseto Sharks, ko nell'ultima amichevole precampionato

Sconfitta in amichevole per i Roseto Sharks contro la Globo Infoservice Campli nell’ultimo test ufficiale prima dell’avvio del campionato

I biancazzurri di coach Di Paolantonio si presentavano alla sfida in assetto decisamente rimaneggiato, viste le assenze di Fultz (precauzionalmente a riposo per i postumi di un lieve infortunio) e Casagrande (problemi al ginocchio) oltre al lungodegente Gloria, e con il neo-arrivato Amoroso che aveva svolto un solo allenamento con i compagni. Dall’altra parte, i biancorossi di casa sono privi di Serroni, e con Petrazzuoli vittima di un brutto infortunio nel secondo quarto che non gli consentirà di tornare sul parquet: all’atleta campano vanno i migliori auguri di un pronto rientro sul parquet da parte della nostra società.

Gli Squali cominciano la sfida con Smith, Mei, Radonjc, Fattori e Paci, mentre coach Millina risponde schierando Bottioni in cabina di regia, Petrucci e Petrazzuoli a completare il reparto esterni con Gatti e Ponziani vicino a canestro. L’avvio dei biancazzurri è complicato sia in attacco (nessun punto a bersaglio per quasi 4 minuti) che in difesa, con qualche disattenzione di troppo sui tagli avversari che causa diversi canestri facili. Il buon impatto offensivo di Smith e dell’ex di giornata Fattori (7 punti nella prima frazione di gara) consente però agli ospiti di mantenersi a contatto, fino al -3 (17-14) con cui si concludono i primi dieci minuti di gioco.

La seconda frazione segue lo stesso canovaccio, con Campli in vantaggio e gli Squali a stretto contatto nel punteggio, nonostante i tanti secondi possessi guadagnati dai farnesi: alla tripla di Gatti risponde Amoroso con i suoi primi punti in biancazzurro, dopo la pausa per il brutto infortunio a Petrazzuoli un positivo Lewis-Briggs riporta i suoi a -2 con cinque punti consecutivi, ma il canestro di Serafini chiude il primo tempo sul 34-31 in favore dei locali.

Dagli spogliatoi Roseto esce con un’altra faccia, piazzando a metà terzo quarto un break di 0-10 che la porta a condurre sul 38-45 (in evidenza Mei con due triple, oltre ad un generale aumento di intensità difensiva). Un fallo antisportivo sanzionato alla stessa guardia lucchese interrompe però l’inerzia positiva per i biancazzurri, e Campli sfruttando il buon impatto di Bottioni si riavvicina nel punteggio, prima di un altro siluro di Mei (che firma tutti i suoi 9 punti nel terzo periodo) che vale il 44-49 della terza sirena.

Con il duo americano Smith-Briggs in evidenza, Roseto ritocca a +9 il suo massimo vantaggio in avvio di quarto periodo. Ma i farnesi di casa sono duri a morire, e rispondono con un parziale di 10-0 ispirato da Serafini e Gatti, che firma addirittura la tripla del sorpasso con 3 minuti da giocare. La lunga carestia offensiva degli Sharks è interrotta da un canestro in contropiede di Smith, e quello successivo di Amoroso che converte un rimbalzo offensivo per il +3 esterno a 1’40” dal termine. Nel finale sale però in cattedra David Petrucci: l’esterno farnese si infiamma con 8 punti consecutivi, e la tripla di tabella a 15″ dalla fine vale il +5 e piega di fatto le gambe agli uomini di coach Di Paolantonio.

Finisce dunque 71-64 per la formazione camplese, che si giocherà la vittoria finale del torneo contro Chieti; gli Sharks torneranno invece in campo questa sera alle 19:00, sempre al PalaBorgognoni, nella Finale per il 3/4 posto contro Rieti, piegata all’ultimo tiro dai teatini nella giornata di ieri (78-76 il finale). Sarà l’ultimo test prima dell’avvio ufficiale del campionato, previsto per domenica 2 ottobre sul parquet di Verona.

GLOBO INFOSERVICE CAMPLI-ROSETO SHARKS 71-64 (17-14; 34-31; 44-49)

CAMPLI: Gatti 13, Norbedo, Bottioni 18, Serafini 14, Salafia 2, Scortica, Petrazzuoli 2, Ponziani 7, Petrucci 15, Nardi. Coach: Millina.

ROSETO: Smith 18, Mei 9, Radonjic 2, Lewis-Briggs 11, Amoroso 6, Paci 8, Fattori 9, Mariani 1, Fultz ne, Cantarini ne, D’Emilio, D’Eustachio ne. Coach: Di Paolantonio.

Commenta
(Visited 26 times, 1 visits today)

About The Author

Claudio Pellecchia Nasce a Napoli il 07/09/1987. Giornalista sportivo e laureato in giurisprudenza, ammesso che le due cose possano coesistere. Aspirante storyteller folgorato sulla via di Federico Buffa, intende divulgare il verbo della palla spicchi al grido di "Ball don't lie!". Già fondatore di NBA24.it scrive di calcio per "Il Mattino", il "Roma", ilnumerodieci.it e Rivista Unidici.