Roseto Sharks: una solida difesa e un attacco efficace stendono Verona

ROSETO-VERONA 91-74

Roseto: Allen 30, Borra 6, Ferraro 11, Papa ne, Marini 12, Mariani ne, Trevisan ne, Bryan 5, Marulli 6, Moreno 4, Weaver 17, Stama ne  All: Trullo

Verona: Bernardi ne, Saccaggi 9, Ricci 7, Petronio, Boscagin 18, Cortese 17, Michelori 4, Da Ros, Chikoko 10, Rice ne, Spanghero 9 All: Crespi

Arbitri: Caforio, Rudellat, Gasparri

Note: Parziali: 22-18, 46-34, 67-53. Roseto: 34/60 dal campo, 24/38 da 2, 10/22 da 3, 13/16 ai liberi, 36 rimbalzi (7 offensivi), 19 assist, 16 palle perse, 6 palle recuperate. Verona: 22/60 al tiro, 12/30 da 2, 10/30 da 3, 20/26 ai liberi, 33 rimbalzi (13 offensivi), 9 assist, 18 palle perse, 6 palle recuperate. Usciti per 5 falli: Ricci e Bryan Luogo: PalaMaggetti Turno di A2 Silver: 17° Spettatori: 2400

La Mec-Energy Roseto risponde ai ko di Trieste e Treviso con una grande prova di squadra, stendendo Verona tra le mura del PalaMaggetti col punteggio di 91-74, sfruttando l’assenza di Rice e un Da Ros non al meglio nelle fila degli ospiti. Grande partita soprattutto in difesa, dove sono stati concessi solamente 57 punti nei primi 35 minuti, salvo cedere un po’ nel finale, a risultato ampiamente acquisito. Gli Sharks hanno controllato la partita dal primo all’ultimo minuto, toccando anche i 25 punti di scarto, senza lasciare agli avversari la possibilità di tornare a contatto. Altri 30 punti di Bryon Allen, con il 65% dal campo, a cui si aggiungono 4 rimbalzi, 5 assist e 5 falli subiti per un 30 di valutazione, seguito dai 17 (cinico con l’80% da 2)con 6 rimbalzi e 4 assist di Weaver (24 di valutazione); in doppia cifra anche Marini con 12 e Ferraro con 11 (3/4 da 3). Nelle fila della Tezenis, i migliori realizzatori sono stati Boscagin con 18 punti (a cui si aggiungono la bellezza di 6 rimbalzi e 7 falli subiti per un 22 di valutazione) e Cortese con 17, e ottima partita di Saccaggi con 9 punti, 5 rimbalzi, 7 assist e 6 falli subiti per un 16 di valutazione.

Il match è stato preceduto dalla premiazione, da parte dello sponsor LNP Ponte, di Bryon Allen, eletto miglior giocatore di dicembre di serie A2 grazie a una serie di eccellenti prestazioni.

Alla palla a due, coach Trullo si presenta con con Moreno playmaker, Allen nello spot di guardia, Weaver e Ferraro ali, Bryan a sgomitare sotto canestro, mentre coach Crespi schiera Spanghero in cabina di regia, Boscagin e Cortese a chiudere il pacchetto esterni, Ricci e Chikoko nel pitturato. Gli Sharks partono col piede giusto, e grazie alle triple di Allen e Ferraro si portano molto velocemente sul 10-2. Nei minuti successivi il copione non cambia, con Verona che si appella alle soluzioni dalla lunga distanza per rimanere a galla. Nella parte finale del quarto, Roseto allunga con Allen e Weaver fino alla doppia cifra di vantaggio (22-12), ma Boscagin e Ricci rispondono da 3 per il 22-18 con cui si chiudono i primi 10 minuti di gioco. All’inizio del secondo periodo, Verona accorcia sul -1 (24-23) con Spanghero, ma Allen  risponde con 4 punti consecutivi, rimettendo dunque 5 lunghezze di distanza (28-23). La Tezenis riesce a reagire tornando a -3, ma Marini riporta i suoi sul +6 (33-27) a metà quarto. Michelori e Boscagin, tuttavia, non ci stanno e confezionano il -2 per il 33-31. La Mec-Energy torna a mordere, e si porta sul 39-31 con un 2+1 di Weaver e una tripla di Marulli. Marini continua il parziale con un 2/2 dalla lunetta, ma Saccaggi ferma l’emorragia usando la stessa carta per il 41-32. Una tripla di Allen chiude la prima metà di gara sul 46-34, nella bolgia dei quasi 2500 tifosi sugli spalti.

Alla ripresa dei giochi, Verona accorcia sul -8 grazie a Chikoko e Boscagin (46-38), ma Allen e Moreno confezionano il +12 Sharks sul 50-38. Weaver centra il bersaglio dalla media, ma Saccaggi torna a muovere il punteggio ospite per il 52-40. I padroni di casa, però, non mollano e allungano con Ferraro, Moreno e Weaver sul 58-40, che costringe coach Crespi a chiamare un time-out. Gli ospiti cercano di ridurre il gap: Boscagin e Cortese firmano infatti il 58-45 a 2:30 dalla terza sirena. Chikoko risponde schiacciando due volte per il 61-49. Verona sembra in grado di tornare a contatto, ma Borra si guadagna il 2+1 del nuovo +15 (64-49). Boscagin fa 2/2 a cronometro fermo, ma Allen realizza la tripla del 67-51. Il canestro sulla sirena di Ricci chiude il terzo periodo sul 67-53. Gli ultimi 10 minuti si aprono con una tripla di Marini, a cui fa seguito un canestro di Marulli per il 72-55. Allen si invola in contropiede e appoggia il +19, Borra fa 1/2 a cronometro fermo e B.A. manda a bersaglio la bomba del 78-55 a 5:54 dalla fine della partita che manda in visibilio il pubblico. Boscagin appoggia il -21, ma Allen segna in rovesciata e in alley-oop con Marulli il +25 (82-57). Cortese fa centro tre volte da 3 per l’85-66, prima che Bryan e Weaver riportino i loro oltre le 20 lunghezze di vantaggio (89-68). Il match finisce 91-74.

Tornati alla vittoria, i ragazzi di coach Trullo si preparano ora alla “mission impossible” di domenica prossima sul parquet della capolista Brescia: palla a due alle ore 14:15, con diretta su Sky Sport 2.

 

Edoardo Testa

Commenta
(Visited 4 times, 1 visits today)

About The Author