Sacchetti a TuttoBasket: "Possiamo dare fastidio a Milano, a 30 anni ho ancora voglia di imparare"

Ormai ho trent’anni, ma ho ancora tanto da imparare“. Comincia così la nostra chiacchierata con Brian Sacchetti, diventato in poco tempo un punto di riferimento dell’intero movimento cestistico di Sassari. Per tifosi e compagni è un veterano, un giocatore decisivo, ma prima di tutto un uomo capace di uscire dal campo sempre a testa alta. La redazione di Tuttobasket.net l’ha raggiunto per analizzare insieme il campionato e la ‘sua’ Sassari dopo l’esordio vincente della scorsa domenica.

Una vittoria per cominciare, sempre un passo importante.
<<Era l’obiettivo primario, i due punti erano la cosa che contava di più. Ma al di là di quello credo che sia stata una buona prima uscita; le sensazioni sono molto positive, siamo un gruppo nuovo ma abbiamo saputo già contrastare alcune difficoltà. Anche quando Varese si è fatta avanti, abbiamo risposto con tutta la forza del gruppo.>>

Un concetto, quello di gruppo, che sarà ancora più importante per Sassari, una squadra che ha un nuovo punto di partenza quest’anno.
<<Siamo un gruppo nuovo, ben uniformato, abbiamo già avuto modo di conoscerci e l’aria che si respira in spogliatoio è molto positiva. Sappiamo bene cosa la gente ci chiede, sono arrivati uomini di esperienza, giocatori che hanno girato il mondo, questo sarà utile per tutti noi. Parlare di obiettivi in questo momento è un azzardo: non dobbiamo pensare troppo al futuro, guardiamo giorno per giorno, partita per partita e vedremo dove potremo arrivare. Di certo vogliamo fare meglio dello scorso anno.>>

Fare bene su entrambi i fronti, magari, perché per Sassari quest’anno ci sarà anche la Champions League tanto chiacchierata in estate.
<<Siamo pronti per la competizione, sarà un torneo di gran livello; ci sono squadre importanti che potrebbero fare bene anche in EuroCup, per cui non bisognerà abbassare la guardia. Vogliamo fare esperienza, divertirci, affermarci anche in campo internazionale; tra un po’ di settimane ci guarderemo alle spalle e vedremo cosa abbiamo fatto e dove potremo arrivare.>>

Il primo pensiero sarà sempre il campionato, però; Milano avanti a tutte le altre, ma voi potete darle fastidio?
<<Lo vedono tutti, Milano è davanti al resto del campionato, ma dietro ci sono squadre che hanno fatto un bel mercato e che secondo me hanno lavorato bene. Ci sono Avellino, Venezia, la stessa Reggio con una gran forza mentale; noi dovremo pensare a fare bene gradualmente, così ci sarà da divertirsi. Mi piace pensare, però, che questa Sassari possa dare fastidio a Milano.>>

Dal punto di vista personale, Sacchetti cosa si aspetta da Sacchetti?
<<Sono qui da un po’, ho imparato che gli obiettivi del singolo non possono essere separati da quelli della squadra. Per cui penso a fare bene con i miei compagni, a fare quello che chiede il coach e solo così potrò fare bene anche come singolo. Ho raggiunto i trent’anni, ma ho ancora tanto da imparare e non mi è passata la voglia.>>

Commenta
(Visited 37 times, 1 visits today)

About The Author