Il derby dice ancora Salerno: la Virtus Arechi espugna il Palazauli

Al termine di un match molto intenso ma poco spettacolare, la Virtus Arechi Salerno supera la Treofan Battipaglia trascinata dai canestri di Paolo Paci


Prime battute di derby all’insegna delle basse percentuali da ambo le parti: Battipaglia deve fare a meno di Visentin per infortunio ma fa esordire Cusenza sotto le plance.

Salerno risponde con il solito, affidabile quintetto che, tuttavia, nelle prime battute non trova la via del canestro.

I primi due punti della contesa sono di Norcino che attacca il ferro e fa esplodere il Palazauli; la Virtus si aggrappa a Babilodze che impatta ma, nel complesso, la partita è zeppa di errori.

Cuccarese sbaglia dalla lunga distanza, il primo “goal” dai 6.75 è proprio del nuovo arrivato Cusenza che punisce con una tripla dall’angolo.

I ragazzi di coach Paternoster riescono a rimanere in scia in virtù delle realizzazioni di Paci e Cucco. Battipaglia si aggrappa ad uno scatenato Anumba che mette a segno sei dei dodici punti dei padroni di casa.

Il primo quarto si chiude con la realizzazione di Di Capua ed i biancoarancio avanti nel punteggio 16-15.

Il copione della gara non cambia nella seconda frazione: coach Porfidia si affida a diverse soluzioni difensive, chiamando in causa la zona 2-3 ed 1-3-1.

I risultati sono eccellenti perché i “blaugrana” soffrono incredibilmente la fase di non possesso di Battipaglia.

Filippi punisce da tre punti e consente ai suoi di trovare il massimo vantaggio sul 21-17.

Ma gli ospiti sono una grande squadra e lo dimostrano immediatamente grazie ad una tripla da sette metri e mezzo di Petrazzuoli.

La partita si scalda, c’è un querelle in campo tra Filippi e Paci che costringe il direttore di gara a chiamare in causa i coach delle due compagini per assicurarsi che la partita resti gestibile.

L’equilibrio continua a regnare sovrano, Norcino da una parte e Di Prampero dall’altra scaldano ulteriormente il pubblico del Palazauli e si va al riposo, all’intervallo lungo, sul 32-31 in favore di Battipaglia.

Alla ripresa delle ostilità la prima squadra a trovare la via del canestro è Salerno grazie alla realizzazione di Paci su ottima imbeccata di Petrazzuoli.

Battipaglia fa fatica ma, ancora una volta, ad inventarsi un canestro dall’indice di difficoltà impressionante è Cusenza che fa saltare l’avversario diretto e castiga gli ospiti da sette metri.

E’ sempre e comunque equilibrio tra le due compagini, Paci ed Anumba rispondono colpo su colpo con la parità raggiunta a quota 40 quando mancano quattro minuti al termine della terza frazione.

Gli ultimi duecentoquaranta secondi del quarto, però, sembrano essere quelli della svolta: Salerno corre bene il campo, Battipaglia commette tanti errori e Cuccarese spende il suo quarto e quinto fallo (antisportivo) in successione. I “blaugrana” scappano sul +7 al trentesimo (46-53).

Ultimo quarto decisivo: la Treofan impatta bene, fallo antisportivo di Petrazzuoli e padroni di casa a meno quattro (49-53)  e nuovamente in partita.

Simon Anumba è l’uomo in più dei ragazzi cari al patron Rossini, Cucco e soci, invece, si ritrovano con sette minuti e mezzo da giocare con il bonus già raggiunto.

Quando mancano sei minuti e sedici secondi al termine, il solito indiavolato Anumba riporta incredibilmente i padroni di casa in parità a quota 53.

Coach Paternoster è costretto al timeout da cui esce una Salerno matura ed arrabbiata: due triple in successione, prima di Cucco e poi di Petrazzuoli, riportano gli ospiti in vantaggio.

I “blaugrana” non si fermano più e il parziale si fa sempre più cospicuo (0-10) fino al canestro in penetrazione di Di Capua.

Negli ultimi due minuti di gioco la Treofan fa il possibile per ricucire lo scarto ma è troppo tardi.

La Virtus Arechi si aggiudica anche il derby di ritorno espugnando il Palazauli con il risultato finale di 62-68.

 

TREOFAN BATTIPAGLIA – VIRTUS ARECHI SALERNO 62-68 (16-15 ; 16-16 ; 14-22 ; 16-15) 

Battipaglia: Di Capua 15, Cusenza 6, Santoro 4, Anumba 20, Filippi 3, Cuccarese 3, Norcino 8, Federico 3, Invidia 0. Coach: Porfidia

Salerno: Paci 18, Cucco 10, Petrazzuoli 11, Bartolozzi 8, Di Prampero 10, Beatrice 0, Mennella 2, Babilodze 2, Leggio 7. Coach: Paternoster

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenta
(Visited 171 times, 1 visits today)

About The Author

Carmine Lione Carmine Lione è uno scrittore e giornalista freelance, laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Attualmente iscritto al Corso di Laurea in “Lingue e Culture Straniere” presso l'Ateneo di cui sopra, ha collaborato con varie testate giornalistiche, tra cui zerottonove.it. Ha ricoperto l'incarico di Capo Addetto Stampa della società cestistica Polisportiva Battipagliese ed attualmente presta la sua voce per le telecronache del Basket Bellizzi in onda su LiraTv e del Salernum Baronissi per l'emittente SeiTv. Per quanto concerne la scrittura, nel corso della sua esperienza artistica, ha pubblicato due opere: “Tempi Moderni”, raccolta di racconti edita dalla casa editrice Gruppo Albatros Il Filo e “Luce al neon”, primo romanzo autopubblicato.