S.Michele Maddaloni, tanti nomi per un mercato che entra nel vivo

San Michele Maddaloni, vicini Rusciano e Moccia. Si attende Chiavazzo

Il San Michele Maddaloni è pronta ad essere una delle protagoniste di questa sessione estiva di mercato. La squadra campana, che militerà in C Silver la prossima stagione, infatti è pronta a piazzare tre importanti colpi. Il primo in ordine di tempo dovrebbe essere il pivot Luciano Rusciano; il giocatore ex Sarno sarebbe in procinto di tornare a vestire la maglia della Maddaloni già indossata nella stagione 2015-16.

Altro giocatore in odore di firma è Carmine Moccia. L’ala piccola, anche lui ex-Sarno, è stato uno dei migliori giocatori del team salernitano durante la passata stagione. L’accordo tra il giocatore e la Maddaloni, secondo nostre indiscrezioni, sarebbe prossimo. Per l’esterno classe 1984 medie esaltanti la scorsa stagione: 18,4 ppg in 30 minuti di media.

Francesco Chiavazzo è uno degli atleti che il San Michele Maddaloni segue con maggiore interesse. Sulla guardia classe 1991 però la concorrenza è folta; su tutti Angri pare voler puntare forte sul giocatore. L’atleta quindi starebbe valutando la migliore destinazione per la prossima stagione. La Maddaloni intanto attende ma il mercato è ufficialemnte entrato nel vivo.

Parrillo nuovo allenatore

Sul fronte allenatore intanto c’è finalmente una svolta:

Adolfo Parrillo è il nuovo head coach della Pallacanestro San Michele Maddaloni che per la stagione 2017/18 sarà al via del campionato di Serie C Silver campano. L’annuncio è stato dato diversi giorni fa, ma conosciamo meglio il nuovo trainer biancazzurro. Dopo una discreta carriera da giocatore Parrillo ha deciso di restare nell’ambiente basket in qualità di allenatore riscuotendo sin da subito grande apprezzamento e raccogliendo i primi importanti risultati con Santa Maria a Vico e Airola. Soprattutto con la formazione caudina è protagonista del salto dalle minors regionali sino alla Serie C nazionale che onora con ben tre partecipazioni consecutive ai playoff. Nel 2011 arriva la grande occasione di guidare Bisceglie in Serie B, avventura purtroppo sfortunata che termina anzitempo per le dimissioni del tecnico.

Poche settimane di inattività e torna a sedere su di una panchina, quella del Benevento in Serie C nazionale. Nel capoluogo sannita vi rimane tre anni pur alternandosi tra le due società di punta, e nel frattempo si fa il suo nome nell’estate del 2013 per il rilancio di Scafati ripartita dalla Serie B. Nelle ultime due stagioni ha riportato in auge Sarno tanto da vincere il campionato di Serie C Silver ed accedere agli spareggi nazionali per la promozione in Serie B. Per comprendere lo spessore umano di coach Parrillo basta sapere che tre anni or sono è stato artefice di un’attività ambientale nella sua Moiano, che lo ha visto ripulire una grossa fetta del fiume Isclero.

Le prime dichiarazioni di Parrillo

Queste le dichiarazioni di coach Adolfo Parrillo in vista della sua avventura in biancazzurro: «Sono felicissimo di essere arrivato in una città così importante. La pallacanestro a Maddaloni è storia e la gente qui è molto passionale. Sono onorato di far parte di questa giovane ma già importante società, che ringrazio, in modo particolare il presidente Andrea De Filippo ed il dirigente Pasquale De Filippo. Mi hanno concesso questa grande opportunità che farò motivo di forte impegno. Le ambizioni saranno quelle di dare anima e corpo a questa società e ai miei ragazzi».

Commenta
(Visited 386 times, 1 visits today)

About The Author