Sassari, Pozzecco: "Contro Brescia concentrazione e lavoro in difesa"

Questa mattina, nella Club House societaria di Sassari, coach Gianmarco Pozzecco ha incontrato i giornalisti in vista della sfida di domenica contro la Leonessa Brescia. Dopo il primo tempo delle Finals di Fiba Europe Cup di mercoledì i suoi ragazzi si concentrano sul campionato con la sfida della 13° giornata di ritorno: appuntamento domenica alle 18 al PalaSerradimigni.

“Nella pallacanestro italiana negli ultimi 15 anni non ricordo pivot dominanti dal punto di vista fisico, ci siamo abituati a giocare con quattro o addirittura cinque piccoli e non è semplice per la terna arbitrale arbitrare una partita dove c’è un giocatore dominante come il nostro Jack Cooley. Questo è discriminante per il giocatore e vorrei poterlo proteggere di più. Sia chiaro non mi lamento dell’arbitraggio, come ho già avuto modo di dire il livello arbitrale è cresciuto molto in questi anni e ne sono contento. Mi dispiace che, in un mondo in cui è difficile economicamente e tatticamente accaparrarsi le performance di un centro fisico, sia difficile proteggere i giocatori di questo genere. Noi abbiamo la fortuna di avere un giocatore come Cooley e credo sia un bene per la nostra pallacanestro: quando c’è Jack in campo è normale che gli avversari lo attacchino ma c’è un limite a tutto, questa sua fisicità gli altri devono anche un po’ subirla”.

Domenica arriva Brescia che si gioca l’accesso ai playoff…

“Ormai siamo abbondantemente abituati e preparati ad affrontare squadre che, chi per un motivo chi per un altro, arrivano in gas con una striscia di risultati positivi, o con un cambio in panchina o magari con un innesto che dà entusiasmo. Nel caso di Brescia arriva qui in gas, con la corsa ai playoff aperta dopo aver battuto Milano e Bologna. Sulla carta poteva essere una partita facile invece arriveranno qui lanciati e in fiducia; non sono preoccupato, da quando sono arrivato non abbiamo mai affrontato partite facili o scontate: penso a Trento che è arrivata qui in striscia, a Bologna che ha calcato il nostro parquet dopo il cambio di allenatore o Pesaro che aveva appena inserito un innesto come Wells. Siamo consapevoli del valore dei nostri avversari, rispetteremo Brescia come abbiamo sempre fatto con gli avversari che abbiamo incontrato finora, con l’obiettivo di disputare la nostra partita, consapevoli che poi mercoledì si va in Germania a giocarci la finale a Wurzburg e poi domenica prossima saremo a Trieste”.

Che avversario è la Leonessa?

“Quella di domenica sarà una partita con una squadra che è stata costruita per rispondere a determinate caratteristiche. Hanno un quattro dinamico e atletico come Beverly, sicuramente undersize, e giocano molto a zona. Brescia è una squadra di conformazione prevalentemente italiana con giocatori di grande livello come Laquintana, Vitali, Abass, Sacchetti e Zerini ai quali aggiungono un americano del calibro di Moss. Noi dovremo essere sempre molto bravi a sfruttare i nostri lunghi, consapevoli che gli avversari si preparano a difendere sul nostro postbasso, saranno molto tattici e noi dovremo essere pronti”.

La Dinamo sembra essersi trasformata rispetto alle prime partite dal suo avvento in panchina…

“Da poco ho riguardato la partita con Cremona, la prima che ho allenato in campionato, e ho visto una bella differenza; i ragazzi sono molto più concreti ed efficaci in attacco. Hanno grande confidenza e credo che la partita contro Wurzburg sia stata ad alto tasso di agonismo senza che questo abbia tolto sotto il profilo della tecnica e della tattica. Abbiamo 12 risultati utili quindi giochiamo con grande fiducia ed è normale che sia così, è una striscia che nel mondo dello sport non è comune. Non è facile per me tenere alto il livello di concentrazione: vincendo cresce il livello di responsabilità ma anche la presunzione da parte di tutti, dobbiamo essere bravi a restare concentrati, renderci conto che stiamo vivendo una favola bellissima. Non sono preoccupato nel caso di sconfitta: non ci sarebbero drammi ma non prendiamo in considerazione questa ipotesi. Lavoriamo con fiducia soprattutto in difesa: siamo un po’ scesi di qualche decimo e secondo me abbiamo dei margini di crescita sotto questo aspetto, impegnandoci di più nell’aiutarci”.

Fonte: Ufficio Stampa Dinamo Banco di Sardegna

Commenta
(Visited 25 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.