Sassari-Venezia, De Raffaele: "Vittoria molto importante". Esposito elogia i suoi

Nella serata di ieri, al PalaSerradimigni di Sassari, la Reyer Venezia ha sconfitto la Dinamo con il punteggio di 83-86, confermandosi a punteggio pieno con 12 punti in 6 partite, mentre i sardi sono rimasti a quota 6. Una vittoria, quella dei Lagunari, propiziata da Austin Daye (21+5 rimbalzi) ed accolta con soddisfazione da coach De Raffaele:

Siamo molto felici di questa vittoria, arrivata al termine di una settimana molto impegnativa” – commenta l’head coach della Reyer – “Faccio i complimenti ai miei ragazzi. Sono stati mentalmente molto solidi e maturi a sistemare alcune cose all’intervallo, quando Sassari aveva l’inerzia della gara. Adesso dobbiamo assolutamente recuperare energie, perché ci aspetta un’altra settimana molto faticosa“.

Dall’altra parte, coach Esposito guarda al bicchiere mezzo pieno: “Quando siamo riusciti ad attenerci al piano partita che avevamo preparato, credo che abbiamo giocato una buona partita. In determinati momenti della partita, però, è venuto fuori il talento offensivo di Venezia. Noi abbiamo cercato conclusioni un po’ affrettate in attacco e abbiamo permesso loro di prendere vantaggio. A quel punto si è creato un piccolo divario che abbiamo provato a recuperare negli ultimi minuti, ma era troppo tardi“.

Credo comunque che abbiamo lottato in modo intenso per quaranta minuti” – aggiunge Esposito – “Venezia in questo momento è una squadra più solida di noi, e questo è un qualcosa su cui continueremo a lavorare, per sperare di portare a casa partite contro squadre così lunghe e così talentuose. Noi siamo una buona squadra, che certamente ha necessità di tempo per crescere, ma che anche stasera ha dimostrato di potersela giocare con tutti“.

Commenta
(Visited 16 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.