Scrimmage amichevole: Forlì batte Rimini 73 a 50

Scrimmage amichevole

RivieraBanca Basket Rimini – Pallacanestro 2.015 Forlì 50-73 (10-21, 19-23, 13-21, 8-8)

TABELLINO RIMINI: Rivali 2, Moffa 5, Bedetti, Crow 13, Rinaldi 7, Simoncelli 8, Broglia 2, Ambrosin 8, Rossi F. 4 Rossi D. 1, Alviti. All. Bernardi, Brugè, Middleton.

TABELLINO FORLI’: Rodriguez 20, Campori 6, Bolpin 15, Natali 15, Bruttini 9, Giachetti 2, Babacar, Dilas 6, Zambianchi, Roderick NE, Rush NE, Landi NE. All. Dell’Agnello, Nanni, Quaglia.

Primo scrimmage pre-stagionale per i ragazzi di Coach Massimo Bernardi contro Forlì, pronta a disputare l’A2, che esce vincitrice dal PalaSGR di Santarcangelo. Gli ospiti hanno dimostrato una maggiore fisicità ed hanno scavato il solco nel primo e terzo quarto, ma Rimini si è mostrata comunque combattiva ed a sprazzi è riuscita a giocarsela alla pari.

Indicazioni positive arrivano dal nuovo acquisto Crow, subito ‘in palla’ e nel vivo del gioco, ma bene anche i giovani Rossi Filippo ed Ambrosin dalla panchina che hanno offerto un buon contributo. Nel finale spazio anche a Rossi Dario ed Alviti che hanno messo tanto impegno e determinazione.

La dichiarazione di Coach Bernardi: “Per migliorare dobbiamo avere presente che bisogna giocare con la nostra tecnica anche e soprattutto contro avversari più forti fisicamente, la crescita dev’essere sotto questo punto di vista: dobbiamo prendere esempio da Forlì per quanto riguarda l’intensità in difesa. I ragazzi avranno adesso due giorni di riposo meritati perchè stanno lavorando molto poi giovedì ci sarà un’altro scrimmage di A2 contro Ravenna: voglio vedere un approccio più determinato anche se adesso è difficile perchè gli avversari sono più grossi ed esperti, però cercheremo comunque di migliorare la qualità espressa a sprazzi stasera.”

FONTE: Ufficio Stampa Basket Rimini

 

Commenta
(Visited 18 times, 1 visits today)

About The Author

Martino Ruggiero Nato a Taranto, trasferito a Roma tre anni fa per inseguire il mio sogno e per studiare Giurisprudenza, 21 anni. Seguo qualsiasi sport da quando sono nato. Per la pallacanestro ho fatto il giocatore, l'allenatore e il telecronista ma i tasti più consumati del mio telecomando sono quelli che mi portano al calcio. Amante delle storie sportive, da raccontare, da leggere e da ascoltare. Appassionato di viaggi, non conosco un stato d'animo diverso dall'ottimismo.