Seconda vittoria stagionale per Il Globo Isernia

Dopo una gara sporca, piena di colpi proibiti e di agonismo, Il Globo Isernia ha conquistato la sua seconda vittoria stagionale. La squadra di Cardinale, pur non essendo al completo perché Triggiani era a mezzo servizio a causa di un fastidioso infortunio, ha saputo trovare la forza per battere l’ostico Empoli. C’è da dire una cosa, purtroppo: ancora una volta l’arbitraggio non è stato all’altezza della categoria. E, soprattutto, fa male vedere che, solo perché è una piccola realtà che da poco gioca nelle terza serie nazionale, Isernia venga trattata indegnamente dagli arbitri, che troppo spesso usano due pesi e due misure. Oggi abbiamo assistito a scelte arbitrali allucinanti: i colpi proibiti e i gesti antisportivi degli empolesi non erano mai puniti, così come non venivano sanzionate le veementi proteste e della panchina e degli atleti, mentre Isernia ha avuto parecchi richiami dal duo arbitrale e, soprattutto, si è vista privata del play Strati che, secondo i direttori di gara aveva simulato per la seconda volta e quindi è stato sanzionato con un altro tecnico che l’ha costretto ad abbandonare il campo (nota: il regista siciliano aveva preso una gomitata al volto). Comunque sia, nonostante tutto, sono arrivati due punti che giovano e non poco alla situazione in classifica dell’Isernia, che ha finalmente lasciato l’ultimo (immeritato) posto.  Vediamo nel dettaglio le fasi salienti dal match.

Il Globo non parte bene e va sotto 4 – 0: troppi errori e troppe palle perse. Il primo quarto non è molto interessante. Werlich (12 punti ) scuote i suoi, che risalgono a -1. L’Isernia è sciupona e i toscani ne approfittano: +6 Empoli. Werlich e Poggi (15 punti, 6 rimbalzi e 6 assist) ricuciono lo strappo e Isernia può chiudere la prima frazione sotto di una lunghezza (15 – 16).

Nel secondo quarto sale il nervosismo. Dopo due minuti di gioco Isernia è già carica di falli e le squadre segnano poco.  Empoli sfrutta la situazione falli degli avversari e va sul +5. Il Globo non riesce a segnare. A -6’50” Gentili (11 punti e 8 assist) segna la bomba che vale il -2. La tripla del capitano tramortisce i toscani, che perdono palla e permettono a Guagliardi (11 punti) di piazzare il canestro da tre e, subito dopo, un contropiede di Gentili porta i molisani in vantaggio per la prima volta (-6’). Isernia però sbaglia un po’ troppo ed Empoli ne approfitta per pareggiare poi andare in vantaggio con una tripla di Terrosi (7 punti). I ragazzi di Cardinale non riescono a reagire e gli ospiti volano addirittura sul +9. I locali provano a reagire, ma il primo fallo tecnico fischiato a Strati per simulazione taglia le gambe ai ragazzi di Cardinale, che chiudono la frazione con dieci punti da recuperare (26 – 36).

Nei primi due minuti del terzo periodo non segna nessuna delle due squadre. Ci pensa Mariotti (4 punti) a farlo con un tiro dall’angolo cui risponde prontamente un grintoso Patani (11 punti e 10 rimbalzi). L’Isernia difende bene. Il solito prezioso Werlich segna due canestri consecutivi in contropiedi portando i suoi a sei lunghezze dagli avversari, che sono già carichi di falli. Strati segna la tripla che vale il -1 a -4’. E qui, il fattaccio. A Strati viene fischiato il secondo fallo tecnico per simulazione (sic!). La sua partita finisce così. Il siciliano è stato bravo a mantenere la calma e a non accendere ulteriormente gli animi. Empoli approfitta della situazione e piazza un canestro da tre con Mascagni ( 11 punti). I toscani vanno sul +5. Un super Poggi (15 punti e 6 rimbalzi) segna un prezioso canestro da sotto e Gentili replica subito dopo. L’Isernia è a -1. È Guagliardi a piazzare il canestro che riporta in vantaggio i padroni di casa a -1’40”. Poggi subisce il fallo di un nervoso Sesoldi e va in lunetta. Il primo libero va a segno, il secondo no, ma la palla è dell’Isernia, che segna. I molisani si portano sul +2. Empoli non riesce a penetrare la difesa dei locali, che tornano in lunetta con Poggi, il quale segna un solo tiro dalla linea della carità. I toscani accorciano le distanze quasi allo scadere e chiudono il quarto sotto di un punto (48 – 47).

Il terzo quarto ha fatto capire che l’ultimo periodo sarà al cardiopalma. Il gioco riprende ed Empoli perde subito palla. Capitan Gentili piazza la tripla che vale il +3. Berni (7 punti) replica poco dopo allo scadere dei 24”: parità. Entrambe le squadre sbagliano molto, ma Isernia è brava a catturare molti rimbalzi, soprattutto con Patani. È proprio quest’ultimo a sbloccare il punteggio con due tiri liberi che valgono il +4. Terrosi (7 punti) trova il canestro da tre, ma subito dopo perde palla e commette fallo su Poggi, uscendo poi per raggiunto limite di falli. Una  sua scorrettezza verso la panchina dell’Isernia non viene vista dagli arbitri. Il nervosismo sale quindi alle stelle e rende la gara ancora più emozionante. Il pubblico isernino è infuocato e spinge i propri beniamini. Gli empolesi sono bravi a non farsi intimorire e a non far scappare l’Isernia. Sono ancora lì, a -2. Bei (6 punti) va in lunetta. Sbaglia entrambi i liberi, la palla è dei molisani. Guagliardi trova un bel canestro da tre che vale il +5. Mascagni risponde subito dalla lunga distanza: 59 – 57 a tre minuti dalla fine. Poggi allontana gli avversari con un canestro da sotto. Empoli riparte, l’Isernia recupera palla ma gli arbitri ravvisano una fallo. Ghizzani (4 punti) va in lunetta e fa 1/2 . I molisani catturano il rimbalzo con un grintoso Fiorentino (5 rimbalzi importanti) e Werlich segna in penetrazione portando i suoi sul +5 a -2’20” dalla fine. Berni (7 punti) segna e subisce il fallo, ma il tiro libero supplementare si stampa sul ferro. 63 – 60 a -1’50”. I ragazzi di Cardinale partono all’attacco, ma perdono ingenuamente un pallone. La stanchezza inizia a farsi sentire e la lucidità viene meno. Empoli sbaglia molto, ma è brava a catturare parecchi rimbalzi. Berni subisce un altro fallo e segna un solo tiro libero. I toscani prendono il rimbalzo e cercano di attaccare la difesa molisana. Ghizzani commette una clamorosa infrazione di passi, ma gli arbitri non fischiano e, anzi, fischiano un fallo a suo favore. Il giocatore biancorosso mette entrambi i liberi a sua disposizione. Parità a 35” dalla fine. L’Isernia va in attacco. Gentili sbaglia, Il Globo cattura il rimbalzo e prova a portarsi avanti con un tiro da tre di Guagliardi, che non va. Empoli può ripartire, ma i ragazzi di Cardinale difendono magnificamente e costringono all’errore Berni, che perde palla. Rimessa per i locali, mancano tre secondi alla fine. Triggiani serve Patani che fa a sportellate sotto il tabellone e segna il canestro del +2. Manca un secondo alla fine. Empoli chiama timeout in modo da poter effettuare la rimessa da metà campo. I toscani provano a cercare il tiro della vittoria, non va. Il rimbalzo è dell’Isernia, che può finalmente festeggiare.

Nonostante la giovane età, i molisani sono stati bravi a non rispondere alle provocazioni degli avversari e a non protestare con gli arbitri. Hanno dimostrato di essere maturi. Anche dopo essere sprofondati a -10 nel secondo quarto non si sono mai arresi. Ma è ormai chiaro a tutti che i ragazzi di Cardinale hanno grinta da vendere. Pur allenandosi spesso a ranghi ridotti, l’Isernia esprime un bel gioco di squadra, veloce e divertente. Con il passare del tempo si iniziano a vedere i risultati del duro lavoro di questi ragazzi. Domenica, altra gara casalinga. Arriverà la temibile Virtus Cassino, che naviga nelle zone alte della classifica. I laziali hanno un roster da categoria superiore (il loro pivot è il mitico Roberto “Ghiaccio” Chiacig, medaglia d’oro agli Europei del ’99, bronzo a quelli del 2003 e argento alle Olimpiadi di Atene del 2004). L’Isernia, che spera di poter scendere in campo al completo, può sfruttare il fattore campo e lo stato di grazia in cui si trova dopo questa importante vittoria per provare a guadagnare un altro referto rosa.

 

Il Globo Isernia basket – USE Computer Gross

Il Globo Isernia basket:

Guagliardi 11, Gentili 11, Poggi 15, Strati 3, Triggiani, Biscitti ne, Fiorentino 2, Werlich 12, Melchiorre ne.

All. Cardinale

 

USE Computer Gross:

Samoggia 15, Mariotti 4, Terrosi 7, Scali 5, Bei 6, Sesoldi 4, Ghizzani 4, Mascagni 11, Berni 7, Balducci ne.

All. Bassi
Arbitri: Barilani e Marsico

Commenta
(Visited 5 times, 1 visits today)

About The Author