Secondo successo di fila per la Geofarma Mola che supera Francavilla 77-64

Seconda vittoria consecutiva per la Geofarma che dopo Ceglie supera anche Francavilla con una ottima seconda parte di gara ed in particolare un terzo quarto con la freccia di sorpasso inserita, tesoretto fondamentale per il 77-64 della sirena. Adesso le ultime due sfide della stagione regolare entrambe in esterna, Manfredonia e Monopoli, mancherebbero due punti per avere la certezza matematica di evitare i play out, gli stessi due punti che potrebbero anche garantire l’accesso ai play off per la promozione in B. La situazione resta incerta con una retrocessione già appurata da tempo, tre squadre sicure ai play out ed altre cinque certe di disputare i play off, per i posti mancanti sarà bagarre fino all’ultimo secondo del 19 Marzo.

LA PARTITA

Nella prima Domenica post decisione della Federazione di vietare lo schieramento alle squadre baresi e brindisine degli extracomunitari, la Geofarma parte con questo quintetto: Prete, Didonna, Musci, Ferilli e Clemente, il Francavilla di coach Di Pasquale senza Dority e Knezevic, approccia la sfida con Iaia, Calò, Mazzarese D., Menzione e Mazzarese M. Un attimo dopo la presentazione dei due roster, saluti agli atleti fermati dal provvedimento dell’organo federale e un ringraziamento speciale per D’Von Campbell e Darren Washington che martedì rientreranno a casa, due atleti che hanno onorato la maglia della Geofarma e saputo regalare tante emozioni nel corso della stagione. Palla e due e primi 24 secondi a scorrere senza che nessuna delle due squadre si muova sul parquet in segno di protesta verso la FIP, poi è partita vero anche se le due squadre ci mettono un po’ a carburare. Il primo canestro della gara arriva dalla lunetta dopo due minuti di gioco con Didonna che fa uno su due. Francavilla ce ne mette altri due per trovare il canestro con Mazzarese. (3-2 al 4′) Gancio cielo di Musci e scorribanda vincente di Ferilli, poi e Prete ad appoggiare al tabellone un assist di Didonna per il 9-2 che chiama il time out di Di Pasquale al 5′. Si ritorna sul parquet con lo slalom di Calò a cui risponde Musci. Un errore di Clemente in ripartenza spalanca la tripla all’ex Geofarma, a cui risponde il signore del pitturato Musci (15-9 al minuto 8 e 10 punti per il pivot nativo di Francavilla). Il quarto termina in parità sul 17 con due lunette di Eletto e un canestro che sfida le leggi della fisica di Danilo Mazzarese. Entra De Bellis in regia, la tripla del sorpasso dall’angolo arriva dalle mani di Calò, Prete però sempre dai 6,75 restituisce il vantaggio alla Geofarma. Antisportivo a Bagordo, Ferilli trasforma i due liberi e Clemente in contropiede deposita il pallone del 26-20. Mola difende con gli artigli e gli ospiti soffrono, Ferilli trova lo spiraglio giusto per allungare, Francavilla però è caparbia e mette due triple con Donzelli e Michele Mazzarese, realizzazioni che riportano la gara sui binari dell’equilibrio al 16′ (30-28). Sempre il caterpillar Musci da una parte e l’armadio Mazzarese dall’altra si fanno largo in area e si va così negli spogliatoi con un uno su due di Formica e le lunette perfette di Calò per la parità sul 34. Tripla per ricominciare di Prete, Francavilla soffre la presenza in area di Musci ed esaurisce il bonus falli nei soli primi 90 secondi del quarto, Mola sfrutta il vantaggio e si presenta puntuale dalla lunetta ancora con Musci (43-36). Calo’ e il furetto Donzelli però mantengono a galla gli ospiti.  Slalom speciale di De Bellis e carro armato Musci per il nuovo massimo vantaggio Mola 52-41 al (28′). Francavilla accusa il colpo e va all’ultimo pit-stop in panca con 14 lunghezze di ritardo (59-45). Comincia con un antisportivo a Musci il quarto conclusivo, Eletto accorcia le distanze, il pivot col numero sei e la maglia bianco-blu fa a sportellate e si prende altri due punti, pesanti. E’ il momento che decide la gara: primo sigillo di Pavone e tripla pesantissima di Fiore che a 5 dalla sirena in pratica chiude i giochi (69-51). I ritmi restano elevatissimi, Francavilla prova a rientrare con Menzione e Mazzarese ma è troppo tardi il canestro che certifica i due punti bianco-blu arriva dalle mani del capitano, ultimi 120 secondi in scioltezza, è vittoria, la seconda di fila che ribalta anche il parziale dell’andata, utile in un ipotetico arrivo a pari punti.

 

Donatello Biancofiore

Commenta
(Visited 31 times, 1 visits today)

About The Author